Home»News»Francoforte addio, l’IAA trasloca: nel 2021 ad Amburgo, Berlino o Monaco

Francoforte addio, l’IAA trasloca: nel 2021 ad Amburgo, Berlino o Monaco

0
Condivisi
Pinterest Google+

Francoforte addio, l’IAA trasloca: nel 2021 sarà ad Amburgo, Berlino o Monaco

Francoforte addio: dopo le dimissioni di Mattes (gli succederà una donna, la seconda nella storia del sodalizio), la diserzione di parecchi espositori e la flessione di migliaia di visitatori, l’edizione 2021 dell’IAA cambierà città. L’obiettivo degli organizzatori, la VDA, l’associazione dell’industria dell’auto, sembra essere quella di rastrellare consensi soprattutto fra il pubblico.

Corsa a tre: solo città con più di un milione di abitanti

Perché dal punto di vista della logistica, la capitale finanziaria della Germania offriva eccellenti collegamenti ed quartiere fieristico nel cuore della città, facilmente raggiungibile anche dalla stazione dei treni. In corsa, per il prossimo salone, che si tiene a cadenza biennale, sono rimaste tre delle quattro città tedesche con più di un milione di abitanti: Berlino, Monaco e Amburgo. Assieme totalizzano oltre 7 milioni di abitanti, senza contare le rispettiva aree metropolitane, quasi un decimo degli abitanti del paese. La capitale è più decentrata ed i collegamenti non sono paragonabili a quelli di Monaco. Amburgo ha grandi aspirazioni e voleva ospitare i giochi olimpici.

Francoforte ospitava l’IAA da quasi 70 anni, dal 1951

Il comitato promotore ha dovuto tuttavia incassare il “no” al referendum popolare. Più di altre, la città ha però attivato molte iniziative sulla mobilità del futuro. I vertici della VDA hanno deciso di continuare a discutere solo con le amministrazioni di questi centri, ufficializzando di fatto l’addio a Francoforte che ospitava l’IAA dal 1951.  Sono rimaste escluse anche Colonia, Stoccarda e Hannover. Colonia è la quarta città con più di un milione ai abitanti, ma situata nel cuore del Land più popoloso della Germania. La rinuncia a a Stoccarda e Hannover era quasi scontata, visto che alcuni costruttori avrebbero giocato “troppo” in casa.

Articoli precedente

Volkswagen Group ancora primo costruttore, ma Toyota è più vicina

Articolo successivo

Allure Pack Navi, l'inedita declinazione della nuova Peugeot 208 con il 3D