Home»News»Volkswagen ID.3, la prima elettrica di Wolfsburg, si può prenotare da oggi

Volkswagen ID.3, la prima elettrica di Wolfsburg, si può prenotare da oggi

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volkswagen ID.3, la prima elettrica di Wolfsburg, si può prenotare da oggi

Volkswagen ID.3 (e non Neo, il nome con il quale era stata presentata finora) è il primo modello nato per essere elettrico prodotto costruttore tedesco sulla piattaforma MEB. Da oggi in 29 paesi europei, Italia, inclusa, si può prenotare la serie speciale First, disponibile in tre livelli di allestimento.

Mille euro di caparra per il pre-booking della ID.3

Serve una caparra di mille euro: fino all’aprile del prossimo anno il versamento non sarà vincolante. Il prezzo sarà inferiore di 40.000 euro, che include un pacco batteria che assicura 420 km di autonomia nel ciclo WLTP ed un anno di rifornimento gratis (fino a 2.000 kWh). La gamma ID.3 disporrà di tre diverse percorrenze: oltre a quella intermedia ci sono 330 chilometri per la versione base e 550 per quella top di gamma.

Per i dettagli tecnici ci sarà da attendere fino all’IAA Francoforte

Circa la capacità degli accumulatori si possono solo fare speculazioni, visto che Volkswagen ha rimandato al Salone di Francoforte per i dettagli tecnici. I media tedeschi immaginano batterie tra i 60 ed i 110 kWh. L’entry level della ID.3 costerà (anche in Italia), meno di 30.000 euro. In ogni caso quasi certamente più dei 23-25.000 euro ipotizzati mesi fa. La compatta misura 4,25 metri di lunghezza, avrà un passo generoso e proietta Volkswagen in una nuova dimensione.

Volkswagen stima vendite attorno alle 100.000 unità l’anno

I mercati principali sono Norvegia, Germania, Regno Unito, Francia, Austria e Paesi Bassi dove non solo c’è una certa sensibilità, in parte ci sono anche incentivi, ma, soprattutto, c’è l’infrastruttura. Volkswagen prevede di commercializzare 100.000 unità di ID.3 l’anno. La macchina debutterà nel corso dell’estate del prossimo anno. Fino al 2023 investirà nell’elettrificazione 9 miliardi di euro e conta di fabbricare nei suoi siti (Europa, Cina e Stati Uniti) 10 milioni di veicoli a zero emissioni.

 

Articoli precedente

Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino: tante novità per l’edizione 2019

Articolo successivo

Lamborghini Miura: ritrovato l'esemplare impiegato nel film "Italian Job"