Home»News»Dalla Jaguar ad una società di sviluppo e design, il ritorno di Ian Callum

Dalla Jaguar ad una società di sviluppo e design, il ritorno di Ian Callum

0
Condivisi
Pinterest Google+

Dalla Jaguar ad una società di sviluppo e design, il ritorno di Ian Callum

Niente pensione: Ian Callum, per 20 anni responsabile del design di Jaguar (tra il 1999 ed il 2019), ha deciso di produrre auto. Naturalmente in “modica quantità”, anche se non proprio per uso personale visto che nel nuovo progetto ha coinvolto altri tre soci. Come lui, tutti proveniente dal settore. Si tratta di David Fairbairn, di Adam Donfrancesco e di Tom Bird.

La nuova società di sviluppo e design si chiamerà “Callum”

Il quartetto si occuperà non solo del design, ma anche dello sviluppo di auto destinate potenzialmente a danarosi collezionisti. Il nome della nuova società è semplice: Callum. A quanto pare già nelle prossime settimane il gruppo dovrebbe rendere noti alcuni dettagli della loro prima “operazione”. Di cosa si tratti, naturalmente, non è dato sapere. Ma Callum non è certo il solo designer a non voler abbandonare il campo. Prima di lui hanno fatto lo stesso Walter de SilvaGiorgetto Giugiaro ed Henrik Fisker, che però è decisamente più giovane.

Quartier generale vicino a centri di riferimento per Aston Martin, Land Rover e Mini

Il quartiere generale dello studio Callum da “appena” 2.000 mq di superficie è a Warwirkshire. Il nome della località non dice molto. Dice molto di più il fatto che non troppo lontano da lì si trovino Coventry, Solihull, Cambridge e Newport Pagnell. Ovvero centri di riferimento per marchi come Aston Martin, Jaguar, Land Rover e Mini. Non è escluso che l’ex designer di Jaguar abbia deciso di mettere a frutto l’esperienza fatta con il restauro della Mk2 nel 2014. Callum l’aveva fatta modificare “su misura” e l’aveva anche successivamente venduta.

 

Articoli precedente

La Emoji che mancava: Ford lancia quella del pick-up. Arriverà nel 2020

Articolo successivo

Road to Busan, sfida "green" da 18.000 km per la Hyundai Kona electric