Home»News»I dati di vendita di Bmw sotto inchiesta negli Stati Uniti da parte della SEC

I dati di vendita di Bmw sotto inchiesta negli Stati Uniti da parte della SEC

0
Condivisi
Pinterest Google+

I dati di vendita di Bmw sotto inchiesta negli Stati Uniti da parte della SEC

Il costruttore premium tedesco Bmw è sotto inchiesta negli Stati Uniti. L’indagine è stata confermata dalla casa bavarese, ma non dalla SEC, l’autorità di Borsa (Security and Exchange Commission), nel cui mirino erano finiti sia i tweet di Elon Musk sia i dati di vendita di FCA (che al termine dell’indagine durata anni aveva poi accettato di pagare una sanzione di 40 milioni di dollari).

Gli accertamenti su Bmw anticipati dal Wall Street Journal

La notizia era stata anticipata dal Wall Street Journal prima di Natale. Il quotidiano aveva riferito dell’apertura di un’inchiesta per accertare le pratiche di vendita di Bmw. Il sospetto è che il brand premium tedesco possa aver manipolato i dati sulle immatricolazioni. Attraverso un portavoce, l’Elica ha attestato l’esistenza di un’indagine, precisando la piena collaborazione della società con le autorità. Che, al contrario, non hanno né smentito né confermato l’inchiesta. Nemmeno il costruttore ha spiegato i contorni della vicenda. In passato la  SEC era intervenuta anche per pratiche discriminatorie: i tassi di interesse erano risultati diversi a seconda dei gruppi etnici di provenienza. Non è escluso che l’inchiesta possa chiudersi senza alcun esito.

Articoli precedente

Hyundai "decolla" al CES di Las Vegas con il Personal Air Vehicle

Articolo successivo

Dieselgate, libero dopo due anni il primo condannato per la manipolazione