Home»News»Infiniti QX30, debutta la rivale di Audi Q3, BMW X1 e Mercedes GLA

Infiniti QX30, debutta la rivale di Audi Q3, BMW X1 e Mercedes GLA

0
Condivisi
Pinterest Google+

Audi Q3, BMW X1 e Mercedes GLA hanno una nuova rivale, è la Infiniti QX30, che proprio con la GLA condivide il pianale, nel quadro della collaborazione fra il Gruppo Daimler-Benz e quello Renault-Nissan. Il concept della Infiniti QX30 è stato svelato al Salone di Ginevra del 2015 e debutta ora, in contemporanea, al Salone di Los Angeles e a quello di Guangzhou in corso in questi giorni.

Il nuovo crossover giaponese Infiniti QX30 punta molto sul design: i parafanghi sono molto muscolosi, la fiancata piena di nervature e il frontale è molto aggressivo, grazie alla calandra accerchiata da due fanali che sembrano guardare con aria di sfida chiunque si pari di fronte alla vettura. Dietro, il design è caratterizzato dal lunotto molto piccolo e dal montante spesso e molto “lavorato”, che con il doppio scarico conferiscono una sportività rara. Molto sportivo l’abitacolo dal design asimmetrico e orientato al guidatorem che può contare (insieme al passeggero) sul sedile con “supporto spinale” per minimizzare lo stress sulla schiena. Grande attenzione è stata posta all’interfaccia uomo-macchina, assolta dal sistema InTouch con schermo da 7″, riconoscimento vocale e connettività avanzata verso gli smartphone. Numerosi, infine, gli accostamenti e i materiali fra i quali poter scegliere: inserti neri, bianchi o beige, pelle Nappa o tessuto.

La Infiniti QX30 è stata messa a punto da un team di ben 750 ingegneri, che hanno impegnato numerosi “muletti” della vettura sulle strade europee e giapponesi. Il loro obiettivo era prima di tutto quello di trovare un setup in equilibrio fra piacere di guida e comfort. Il risultato? Stando al comunicato di Infiniti, la vettura regala un feeling molto diretto attraverso il volante e risponde con reattività agli input del guidatore, senza però risultare estrema, anzi. Se invece ci si vuole avventurare in offroad, non mancano le versioni a trazione integrale. Non manca, infine, il cambio automatico: un sette marce a doppia frizione.

Articoli precedente

Romeo Ferraris vuole riportare Alfa nelle competizioni con Giulietta TCR

Articolo successivo

Prima serie speciale Bentley, Bentayga First Edition 608