Home»News»Intelligenza artificiale non solo guida ma scrive spot. Per Lexus ES Hybrid

Intelligenza artificiale non solo guida ma scrive spot. Per Lexus ES Hybrid

0
Condivisi
Pinterest Google+

In futuro le auto potranno a fare meno dei conducenti e le agenzie pubblicitarie degli autori dei testi, almeno se il concept di Lexus avrà successo. Il marchio giapponese di lusso controllato da Toyota ha annunciato la realizzazione del “primo spot pubblicitario scritto interamente da un sistema di intelligenza artificiale”. Una brutta notizia per i creativi e per chi vive scrivendo (ogni riferimento a questa o ad altre redazioni non è affatto casuale).

Regista da Oscar per girare il cortometraggio

Il filmato è stato diretto da Kevin Macdonald, il regista de “L’ultimo re di Scozia” e già vincitore dell’Oscar per il miglior documentario (Un giorno a settembre). Il titolo dello spot è “Driven by intuition”, guidato dall’intuizione. Lexus parla di un “progetto senza precedenti”. L’operazione è frutto della collaborazione tra un sistema di intelligenza artificiale ed un artigiano della pellicola. Obiettivo: “Sperimentare i limiti del connubio lavorativo tra uomo e macchina”. Il cortometraggio, sessanta secondi, è dedicato alla nuova Lexus ES Hybrid. L’intento è naturalmente quello di valorizzare le tecnologie della berlina.

Piattaforma GA-K per la Lexus ES Hybrid

La ES Hybrid, spiega Lexus, “reagisce immediatamente alle intenzioni del conducente e al cambiamento dell’ambiente stradale e delle condizioni del traffico”. Merito della nuova architettura GA-K, ma anche delLexus Safety System+ che identifica i potenziali rischi attivando frenante e sterzo ed avvisando il guidatore. La società Visual Voice e lo studio The&Partnership hanno lavorato assieme per creare la mente artificiale che ha sceneggiato lo spot. La base è stato il sistema Watson di IBM.

Clicca qui per vedere lo spot

Articoli precedente

Eni taglia ancora i prezzi consigliati di benzina e diesel. Il metano aumenta

Articolo successivo

Renault affida a Bollorè stessi poteri di Ghosn. E chiede notizie a Nissan