Home»News»Daimler si fa elettrica: un miliardo per produrre batterie

Daimler si fa elettrica: un miliardo per produrre batterie

1
Condivisi
Pinterest Google+

Daimler fa sul serio sull’elettrico e si lancia nella produzione su larga scala di batterie. Mentre oggi a Stoccolma presenta il pick-up figlio della collaborazione con l’Alleanza Renault Nissan (è basato sul giapponese Navara), ieri a Kamenz, a meno di 60 chilometri a est di Dresda, ha avviato i lavori per la costruzione di una seconda fabbrica di batterie agli ioni di litio. L’operazione vine condotta attraverso la controllata Accumotive, fondata nel 2009. L’obiettivo di Daimler, che al recente Salone di Parigi ha esposto il concept del suv coupé Generation EQ, il primo modello della prossima gamma a zero emissioni sviluppato su una nuova architettura, è quello di disporre di batterie per fra fronte alla crescente richiesta di veicoli elettrici o ibridi plug-in prevista per i prossimi anni.

L’investimento complessivo di Daimler è di un miliardo di euro, la metà dei quali a Kamenz, il sito grazie al quale la società di Stoccarda dovrebbe raggiungere l’autosufficienza per i modelli Marcedes-Benz e smart. Presso la fabbrica della Sassonia verranno prodotti in futuro anche accumulatori fissi e sistemi a 48 volt destinati a venire impiegati su diversi modelli della gamma. Il sito sarà a basso impatto ambientale: Daimler lo ha annunciato come “CO2- neutral” grazie al ricorso alla cogenerazione, al fotovoltaico (specifici pannelli con un’estensione pari a due campi di calcio rivestiranno il tetto dell’impianto che garantirà 2 megwatt di capacità) e ad un sistema di accumulo dell’energia L’intero complesso industriale occupa una superficie di 80.000 metri quadrati. Già nel 2025, Daimler conta di essere in grado di offrire più di 10 modelli completamente elettrici.

 

Articoli precedente

Noleggio a lungo termine per i privati, Fiat lancia Be-Free

Articolo successivo

Ford Kuga e Ford Edge in versione Vignale, i suv alto di gamma