Home»News»Italia a gonfie vele, primo semestre oltre il milione dopo 5 anni

Italia a gonfie vele, primo semestre oltre il milione dopo 5 anni

0
Condivisi
Pinterest Google+

Con altre 165.000 auto nuove immatricolate in giugno in Italia, il primo semestre del 2016 supera il milione di unità (quasi 1,042): è la prima volta dal 2011. Un bilancio estremamente positivo con una crescita dell’11,9% nel mese e del 19,5% da gennaio in poi. Con il proprio presidente Filippo Pavan Bernacchi, Federauto butta acqua sul fuoco degli entusiasmi ricordando di aver “monitorato costantemente l’andamento delle targhe di giugno constatando che il mese ha viaggiato mediamente in un range compreso tra lo 0 e il +5%”. Poi, il colpo di coda “dell’ultimo giorno, anche grazie alle kilometrizero” ottenuto “con una spinta enorme di case e concessionari, che in ballo avevano anche l’obiettivo semestrale”. Federauto ipotizza per l’intero anno una crescita dei volumi del 15% a quota 1,811 milioni di auto.

In Italia, FCA archivia con risultati superiori alla media del mercato sia giugno sia il semestre: +13,6% nel mese, +22,13 da gennaio in poi con una penetrazione che sale al 28,72% ed al 29,12%. Con l’arrivo di Giulia, si sono mossi i volumi di Alfa Romeo, che in giugno è lievitata del 34,1%, mentre da inizio anno è ancora sotto il 10% (+9,7%), ma le cose sono destinate a cambiare. Continua a crescere Jeep (+20,3%); Fiat “tiene” (+13,9%). Con la nuova 124 Spider ha già conquistato la leadership nel proprio segmento con una penetrazione che sfiora il 40%. Honda e Jaguar continuano a crescere in tripla cifra: +141 e +158% nel mese e +118 e +297 da inizio anno. Ssangyong ha rallentato in giugno (“solo” +62%: con il suo +79%, Lexus l’ha superata in termini di crescita percentuale), ma nel semestre veleggia a + 128%. Fra i marchi in negativo spiccano quelli tedeschi come Porsche, Audi e Opel, ma da inizio anno sono “in rosso” solo Seat e Mitsubishi.

La “ripresa” oltre a contribuire allo svecchiamento del parco circolante in Italia, ha consolidato l’interesse degli automobilisti verso i motori a benzina: +20% nel mese e +32% nel semestre, circa un terzo dei volumi totali. Il gasolio continua a piacere, ma cresce meno in fretta seppure con una quota che raggiunge il 57%. Le vere perdenti di questo 2016 sono le alimentazioni alternative, che hanno ceduto il 14%, scendendo al 10% di penetrazione. Fanno eccezione le auto ibride, i cui volumi sono in crescita del 49%.

Nella Top 10 delle auto più vendute in Italia, Panda è sempre regina (e prima della fine dell’estate supererà già quota 100.000) con FCA che piazza sei veicoli tra i più “gettonati”, ma Renault Clio e VW Golf guadagnano terreno. Fra i modelli a gasolio è in corso una sfida all’…ultima immatricolazione tra Fiat 500L (prima in giugno, ma seconda da gennaio), 500X (terza nel mese, ma prima nel semestre) e Renault Clio (rispettivamente seconda e terza). Le tre auto sono “divise” da 3.500 esemplari.

Articoli precedente

Volkswagen Touareg Executive Edition: versione speciale del Suv tedesco

Articolo successivo

Codacons: contraria all'utilizzo/test di veicoli senza conducente