Home»News»Jeep Renegade 4x4e, il b-suv ibrido plug-in. Poi Compass e Wrangler

Jeep Renegade 4x4e, il b-suv ibrido plug-in. Poi Compass e Wrangler

0
Condivisi
Pinterest Google+

Jeep Renegade 4x4e, il b-suv ibrido plug-in. Poi Compass e Wrangler

La Jeep Renegade 4x4e arriverà sul mercato nel 2020 ed è stata svelata in Italia sul lago di Garda. Una gemma, quella della compatta ibrida plug-in, un gioiello, quello del più grande lago d’Italia, ed una collana di perle, cioè la gamma delle Sette Feritoie. La Renegade anticiperà il debutto di altre due Jeep elettrificate, la Compass e la Wrangler, attese per il secondo e per l’ultimo trimestre dell’anno prossimo.

 

Nuovo motore Turbo T4 da 1.3 litri per la Jeep Renegade

La tecnologia ricaricabile verrà applicata alla versione Trailhawk per incrementare “ulteriormente le performance off road” e per esaltare “le doti della gamma Jeep nella vita di tutti i giorni”. Sulla Jeep Renegade MY 19 arriva il turbo T4 da 1.3 litri da 180 CV abbinato alla trasmissione automatica a 9 marce ed alla trazione integrale. Il modello viene anche offerto in una serie speciale, la “S”, il fato elegante e sportivo della compatta. La Jeep Renegade S monta barre esclusive al tetto, finiture in Granite Crystal Low Gloss, cerchi da 19” dedicati e dispone di interni “all black con sedili e volante premium.

Forward Collision Warning e Adaptive Cruise Control per la Wrangler

La gamma offre l’integrazione di Apple CarPlay e Android Auto e numerosi sistemi di assistenza alla guida e di sicurezza di serie. Sulla Wrangler diventano disponibili per la prima volta sia il Forward Collision Warning sia l’Adaptive Cruise Control. La novità relativa alla Compass, il più “metropolitano” dei modelli della casa delle Sette Feritoie, è l’introduzione della versione Trailhawk, che consente escursioni anche lontano dalla giungla d’asfalto. Perché chi sta al volante dispone dell’Active Drive Low 4×4 con rapporto di riduzione 20:1 nella modalità Rock Selec-Terrain. La stessa declinazione diventa disponibile anche sulla Jeep Cherokee, abbinata al turbo benzina da 2.0 litri da 272 CV.

La gamma Jeep disponibile anche a noleggio “pay per use”

Con la Grand Cherokee Trackhack, il costruttore porta sul mercato il suv di serie più potente al mondo. Il modello aveva ottenuto il nuovo record di velocità su ghiaccio per un fuoristrada. Sotto il cofano monta un V8 da 6.2 litri da 710 CV di potenza che schizza da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi. La metamorfosi del marchio, da sempre sinonimo di libertà, è confermata dal crescente interesse riscosso fra le donne, che superano il 20% della clientela. Con Laeasys, Jeep offre anche una soluzione di noleggio “pay per use”. Si tratta di una formula di 48 mesi senza anticipo con un canone (da luglio) che parte da 199 euro al mese più una quota variabile per chilometro (a partire da 9 cent).

Articoli precedente

Di Silvestre nuovo presidente Bmw Italia Spa. Solero promosso a Monaco

Articolo successivo

smart EQ fortwo Ushuaia, 100 esemplari per "ballare" con il colibrì di Ibiza