Home»News»E joint venture sia: fusione in gennaio dei servizi di mobilità Bmw e Daimler

E joint venture sia: fusione in gennaio dei servizi di mobilità Bmw e Daimler

1
Condivisi
Pinterest Google+

E joint-venture sia: fusione in gennaio dei servizi di mobilità Bmw e Daimler

Joint venture, penultimo atto: l’ultimo, la costituzione di una nuova società che incorpori i servizi alla mobilità di Bmw e Daimler, è fissato per la fine di gennaio. Dopo aver ottenuto il via libera dalla Commissione Europea, i due costruttori tedeschi hanno dovuto attendere più del previsto per il nulla osta dell’antitrust americano. Che è poi arrivato ieri.

Soluzioni di car sharing, ride-hailing, parking, charging e multimodality

Il 18 dicembre diventa così una data storica per DriveNow e car2go, le due aziende di car sharing che contano quasi 16 milioni di clienti nel mondo. Ma anche per altre realtà di ride-hailing, parking, charging e multimodality controllate dai gruppi di Monaco di Baviera e Stoccarda. Nella joint-venture paritaria sono destinati a confluire non solo DriveNow e car2go, ma anche realtà come Moovel, ReachNow, MyTaxi, Chaffeur Privé, Clever Taxi, Beat, ParckNow, Parkmobile, ChargeNow e Digital Charging Solutions. Non è ancora chiaro cosa avverrà per i rami d’azienda cinesi, ma forse se ne saprà di più nel primo trimestre del 2019 quando Bmw e Daimler intendono comunicare i piani della nuova società.

La joint venture Bmw e Daimler ha già 43 milioni di clienti nel mondo

La fusione dei servizi è stata programmata entro la fine del prossimo mese di gennaio. I tempi dell’operazione – che coinvolge una galassia di servizi con circa 43 milioni di clienti e 20.000 veicoli in condivisione – sono stati decisamente rapidi. L’annuncio di procedere all’avvio di una joint venture risale a marzo, in novembre è arrivato il via libera europeo e ieri quello americano. La cooperazione, consolidata nonostante le frizioni legate alla presunta “cupola dell’auto”, è la conferma di come si stia evolvendo il mondo dell’auto. La produzione è solo una parte del business, forse perfino la meno redditizia. In futuro i guadagni saranno assicurati dall’utilizzo dei veicoli.

 

Articoli precedente

Eni e Tamoil abbassano di nuovo i prezzi di benzina e diesel

Articolo successivo

Kia e-Niro da Lisbona e Katowice come testimone della mobilità sostenibile