Home»News»Smart rinasce elettrica in Cina, fondata la joint-venture da 700 mln di euro

Smart rinasce elettrica in Cina, fondata la joint-venture da 700 mln di euro

0
Condivisi
Pinterest Google+

Smart rinasce elettrica in Cina, fondata la joint-venture da 700 mln di euro

Con una dote di 350 milioni di euro ciascuno, Daimler e Geely hanno ufficializzato la costituzione della Smart Automobile Co., Ltd, una joint-venture paritetica per sviluppare il marchio. Il cui futuro sarà soltanto elettrico e riguarderà anche il segmento B. Non solo tascabile, ma anche compatta, seppur di dimensioni contenute.

Definiti i vertici, Li Shufu nel CdA e Tong Xiangbei come Ceo

Nel CdA della società siederanno tre membri per ciascun socio:  Hubertus Troska, Britta Seeger e Markus Schäfer per Daimler e lo stesso miliardario Li Shufu (con il 9,7% di quote il più importante socio singolo della casa di Stoccarda attraverso una delle sue controllate), An Conghui e Daniel Donghui Li per Geely. Il Ceo della joint-venture sarà Tong Xiangbei. I confini dell’operazione sono quelli già noti. Il socio cinese si occuperà dell’ingegnerizzazione e della produzione, che avverrà nel Regno di Mezzo in uno stabilimento espressamente realizzato.

Il design della nuova smart continuerà a venire deciso in Germania

La responsabilità del design resterà in Germania, in capo al team di Gordon Wagener. La commercializzazione dovrebbe cominciare nel 2022. Fino a quel momento l’attuale smart EQ foravo continuerà a venire prodotta in Francia, a Hambach, mentre la variante a quattro posti, la EQ forfour sarà ancora fabbricata a Novo Mesto, in Slovenia. Il sito transalpino verrà poi destinato alla produzione di un modello compatto della gamma EQ di Mercedes.

 

Articoli precedente

Mild Hybrid, la "prima volta" elettrificata di Fiat con la Panda e la 500

Articolo successivo

La baby Tesla nascerà in Cina. Musk: "Qualcosa di mai visto al mondo"