Home»News»Kia ancora in testa nella classifica J.D. Power, male gran parte degli europei

Kia ancora in testa nella classifica J.D. Power, male gran parte degli europei

1
Condivisi
Pinterest Google+

La Kia realizza prodotti di qualità sempre più elevata. In conferma di tale tesi, la Casa ha ottenuto un nuovo riconoscimento con la certificazione pubblicata dalla J.D. Power, che assegna al marchio coreano il punteggio più alto nella classifica dell’IQS (Initial Quality Study) relativa ai costruttori presenti sul mercato americano.

Nello specifico, si tratta di un’analisi –arrivata alla sua trentunesima edizione– che prende in considerazione le valutazioni dei clienti relative alla loro nuova auto in termini di prestazioni e caratteristiche di guida e registra eventuali difetti o mancanze emersi nel corso dei primi tre mesi di utilizzo. Il report 2017, inoltre, si è basato su un’indagine condotta su ben 77.415 clienti. Nei differenti segmenti sono cinque le vetture Kia che hanno primeggiato: la Soul (MPV compatti), la Forte (berline compatte), la Cadenza (berline grandi) Niro (SUV compatti) e Sorento (SUV medi).

“Quando Kia ha raggiunto il primo posto assoluto nella ricerca di J.D. Power nel 2016, molti si sono chiesti se saremmo stati capaci di conservare questa leadership; i risultati 2017 sono la risposta forte e chiara, con un’affermazione che vede più Kia vittoriose di qualsiasi altro costruttore” è stato il commento di Michael Sprague, Chief Operating Officer di Kia Motors America. “La supremazia generalizzata di Kia nelle classifiche IQS di J.D. Power conferma ancora una volta il livello di eccellenza raggiunto come costruttore globale e rispecchia l’impegno e la capacità di ogni nostro lavoratore nel dare qualità a ogni singola vettura, crossover o SUV prodotti da Kia.”

Decisamente sottotono, invece, i marchi europei. Nelle posizioni alte della classifica ci sono solo Porsche (3ª) e BMW (6ª) mentre è stata quasi una disfatta per Mercedes (19ª), Audi (27ª), Land Rover (29ª), Jaguar (32ª) e, soprattutto, Fiat che compare tristemente all’ultimo posto: il 33º.

Articoli precedente

Anche la Mini Countryman infila la spina

Articolo successivo

Doppietta Hyundai in Polonia, Neuville riapre il mondiale Rally