Home»News»Go I-Pace, la App di Jaguar che valorizza i vantaggi dell’auto elettrica

Go I-Pace, la App di Jaguar che valorizza i vantaggi dell’auto elettrica

0
Condivisi
Pinterest Google+

Go I-Pace, la App di Jaguar che valorizza i vantaggi dell’auto elettrica

Una App ideata per “dimostrare in che modo possedere un veicolo elettrico può apportare vantaggi ai guidatori“, spiega Joanna Hewitt, Digital Innovations di Jaguar Land Rover, a proposito della Go I-Pace. Combinata con l’online calculator, la App trasforma e semplifica il possesso e la gestione della prima elettrica del costruttore britannico controllato da Tata.

Analizzati 35.000 tragitti: percorrenza media di 15 km al giorno

Con l’elaborazione dei dati, la Go I-Pace dimostra che l’85% dei proprietari europei della Jaguar I-Pace (da 82.460 euro in Italia) potrebbe coprire l’esigenza del proprio chilometraggio settimanale con un massimo di due ricariche. A poco più della metà basterebbe addirittura un solo rifornimento ogni sette giorni. L’analisi di oltre 35.000 tragitti ha rivelato che l’utente medio percorre fino ad un massimo di 345 chilometri settimanali. La media giornaliera si aggira attorno ai 15 chilometri.

La App Go I-Pace è disponibile per Android e per Apple

Con l’online range calculator gli automobilisti possono valutare l’impatto di alcuni fattori sull’autonomia dichiarata, che è di 470 chilometri (ciclo WLTP). Si tratta di fattori che vanno dalla dimensione degli pneumatici alla temperatura. La app Go I-Pace è disponibile sia per iPhone sia per Android e stima il potenziale risparmio anche in termini di costi. L’intelligenza artificiale della Jaguar elettrica suggerisce anche ai proprietari l’orario più consono per l’inizio della ricarica per beneficiare delle tariffe più convenienti. Il modello monta diverse funzioni per ottimizzare l’autonomia, tra i quali anche un sistema di pre-condizionamento della batteria.

Articoli precedente

A Tanak il Rally di Finlandia: quarto successo con Toyota nel WRC 2019

Articolo successivo

Eni abbassa il prezzo del GPL, pieno più economico per chi viaggia bifuel