Home»News»Lada fa rotta su Cuba: l’export verso il paese ricomincia con Vesta

Lada fa rotta su Cuba: l’export verso il paese ricomincia con Vesta

0
Condivisi
Pinterest Google+

Lada fa rotta su Cuba: l’export verso il paese ricomincia con Vesta

La Russia torna a Cuba, ma non con un’operazione politica, bensì commerciale: Lada ha trasferito 320 auto nel paese. È la prima volta da 12 anni a questa parte che il marchio di Avtovaz, controllato dall’Alleanza Renault Nissan, si avventura nel paese comunista.

Cuba, mercato privilegiato per l’export

Le auto portata a Cuba sono Lada vesta, una modello da esportazione con il quale il costruttore aveva partecipato anche al FIA World Touring Car Championship. Una delle auto era stata affidata all’italiano Gabriele Tarquini. La conferma dell’operazione è arrivata da Michail Rajbow, un dirigente della fabbrica di Izevsk. Il rilancio cubano è solo leggermente differente nei numeri rispetto all’annuncio dato presso lo stabilimento di Togliatti. Allora si era parlato di 350 auto, prevalentemente destinate a società del comparto turistico e di trasporto (taxi). “Cuba – aveva spiegato Nicolas Maure, numero uno di Avtovaz – è uno dei nostri mercati privilegiati per l’export”.

Berlina a tre volumi da 4,41 metri di lunghezza

Le nuove Lada Vesta potrebbero lentamente subentrare ai gloriosi taxi che ancora circolano per le strade. Si tratta di modelli anni ’50, miracolosamente funzionanti che appartengono al “paesaggio” locale. Lada Vesta è una berlina a tre volumi che misura 4,41 metri di lunghezza che monta un motore benzina da 1.6 litri da 106 CV. Lada è un marchio che Maure punta a valorizzare soprattutto nei paesi dell’ex area di influenza sovietica e dell’Asia centrale. L’offensiva riguarderà poi il Medio Oriente, l’Africa e l’America Latina.

Articoli precedente

Marilù Granieri in pensione. Erika Giandomenico nuova PR di Mazda Italia

Articolo successivo

Nuova Ibiza, la Seat rilancia il TDI con percorrenze oltre i 26 km per litro