Home»News»Pausa di riflessione: la Lada si ritira dall’Europa. Ma progetta il ritorno

Pausa di riflessione: la Lada si ritira dall’Europa. Ma progetta il ritorno

0
Condivisi
Pinterest Google+

Pausa di riflessione: la Lada si ritira dall’Europa. Ma progetta il ritorno

Troppe emissioni per continuare, almeno in Europa: Lada ha deciso di sospendere la commercializzazione dei propri modelli con la fine del 2019. Per il costruttore russo dell’Alleanza Renault Nissan – attraverso la controllata Avtovaz – non si tratta tuttavia di un ritiro definitivo. La decisione è stata presa per evitare il rischio delle sanzioni legate ai nuovi limiti sulle emissioni.

L’importatore tedesco vuole continuare ad importare la Lada 4×4

Considerati i volumi ed i prezzi di Lada è una decisione più che comprensibile. Anche perché l’assenza del marchio non sarà di quelle che manderanno su tutte le furie milioni di clienti del Vecchio Continente. Tuttavia ci potrebbero essere delle eccezioni. Come quella tedesca: l’importatore per la Germania sembra intenzionato a far convertire un numero limitato di veicoli. Ma tutti di un solo modello, l’unico che a quanto pare interessa ancora ai clienti. Cioè la Lada 4×4. In certi ambienti è un modello iconico, anche in Italia, dove c’è un club di sostenitori. Nell’Europa Occidentale, della Kalina e della Granta nuove si sono già da tempo perse le tracce.

Russia, croce e delizia: Ford lascia, Mercedes inaugura il primo sito e Opel torna

Con la fine dell’anno cesserà anche la commercializzazione della Vesta, un modello che era stato impiegato anche nelle competizioni: lo aveva guidato anche l’italiano Gabriele Tarquini (adesso in Hyundai) nel WTCC. Il solo modello per il quale potrebbero esserci ancora dei clienti è la Lada 4×4. Un modello per il quale i clienti possono essere disposti a spendere di più. In futuro Avtovaz potrebbe beneficiare dei motori dell’Alleanza e quindi rientrare nel mercato europeo, forse anche con modelli inediti. Difficile che ciò avvenga prima del 2022. Quello della Russia è tornato ad essere un mercato interessante, anche se Ford ha deciso di ritirarsi. Mercedes ha appena inaugurato il suo primo stabilimento nel paese e Opel ha deciso di ritornarci.

Articoli precedente

La nuova generazione della Subaru Outback debutta a New York

Articolo successivo

Dieselgate, chiesto il rinvio a giudizio di Winterkorn, ex Ceo di VW AG