Home»News»Il ritorno del mito 4×4, Land Rover Defender, più fuoristrada che mai

Il ritorno del mito 4×4, Land Rover Defender, più fuoristrada che mai

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il ritorno del mito 4×4, Land Rover Defender, più fuoristrada che mai

Data per estinta, la Land Rover Defender rinasce per continuare ad impressionare. Al Salone di Francoforte, dove è arrivata dopo oltre 2 milioni di chilometri di test, è arrivata scendendo da una rampa con un’inclinazione da brividi: 42°. Il fuoristrada che ha fatto la storia continua ad avere caratteristiche che la distinguono.

Novanta centimetri di profondità di guado

Ad esempio i 90 centimetri di profondità di guado, i 900 chilogrammi di carico utile o i 3.500 kg di capacità di traino. Anche se esteticamente e tecnicamente conserva solo il nome del glorioso precedessore, mandato in pensione dopo 68 anni, la nuova Land Rover Defender ne eredita la vocazione. Il design è ispirato ai nuovi modelli ed è decisamente più arrotondato ed elegante rispetto a prima. Il suv è diventato più urbano, anche se rimane robusto e importante nella sua presenza su strada.

Secondo JLR è “il 4×4 per ogni spedizione”

Il costruttore ne parla come il “4×4 per ogni spedizione”, anche grazie al Terrain Response 2, arricchito con il nuovo programma Wade. La commercializzazione della nuova Land Rover Defender scatterà l’anno prossimo con le versioni 90 e 110 (5+2). In realtà, almeno inizialmente sarà disponibile la sola variante a passo lungo ed a cinque porte, la 110 (4,76 metri), il cui prezzo oscilla tra i 57.400 ed i 101.400 euro. La più compatta 90 misura 4,32 metri di lunghezza, avrà tre porte e potrà ospitare fino a 5 persone avrà un listino che parte da 51.400 euro.

Land Rover Defender anche in versione plug-in

La gamma motori comprende unità benzina e diesel con potenze comprese fra i 200 ed i 400 CV. Poi arriveranno anche le versioni plug-in (PHEV). Il primo a debuttare (già nel 2020) sarà il P400 a benzina ricaricabile, la cui autonomia a zero emissioni non è stata ancora anticipata. Le unità a gasolio sono il D200 e il D240, quattro cilindri con tecnologia twin turbo sequenziale da 430 Nm di coppia. Il D200 consuma 7,6 l/100 km. I propulsori a benzina sono il quattro cilindri turbo P300 ed il sei cilindri P400 MHEV, cioè mild hybrid.

 

 

 

 

Articoli precedente

Auto elettrica low cost, per Bollorè (Renault) costerà attorno ai 10.000 euro

Articolo successivo

Design italiano per gli esterni della rinnovata citycar coreana Hyundai i10