Home»News»Guida autonoma in città, test di 13 mesi a Bruxelles per la Lexus LS

Guida autonoma in città, test di 13 mesi a Bruxelles per la Lexus LS

0
Condivisi
Pinterest Google+

Guida autonoma in città, test di 13 mesi a Bruxelles per la Lexus LS

La Lexus LS è protagonista del primo test europeo a guida autonome su strade pubbliche del gruppo Toyota. Il costruttore giapponese ha ufficializzato l’avvio della sperimentazione a Bruxelles, la “capitale” politica del Vecchio Continente. L’auto è stata autorizzata a circolare per 13 mesi lungo un tracciato prestabilito. L’obiettivo del test con la Lexus LS è quello di “studiare l’impatto dei diversi comportamenti umani sui sistemi di guida automatizzata”.

La Lexus LS monta un pacchetto di sensori sul tetto, LIDAR incluso

Come altri colossi dell’auto, anche Toyota sta portando avanti studi sulla guida autonoma. Il trasferimento sulla strada della Lexus LS a guida autonoma avviene dopo le positive simulazioni condotte in circuiti chiusi dalla divisione Research & Development di Toyota Motor Europe che ha sede propria. Bruxelles. Anche la casa giapponese ha come obiettivo quello di “eliminare le vittime da incidenti stradali”. Il sistema di guida automatizzata integrerà le regole di circolazione europee, dopo il i test in Giappone e negli Stati Uniti. La Lexus LS di serie è equipaggiata con il pacchetto di sensori montati sul tetto, inclusi il LIDAR, radar, telecamere e un sistema di posizionamento ad alta precisione.

La sperimentazione rientra nel progetto europeo L3Pilot

Come sempre a bordo ci sarà anche un collaudatore pronto ad intervenire in caso di necessità. Nel corso della sperimentazione, in macchina ci sarà anche un tecnico per supervisionare il funzionamento delle tecnologie. Il test si inserisce nel progetto europeo L3Pilot del quale fanno parte anche altri costruttori. Ad esempio Volkswagen, Volvo, Opel, Jaguar Land Rover, Honda, Bmw, PSA, Renault, Daimler, Ford e FCA. Il progetto è stato lanciato nel 2017, è parzialmente finanziato dalla Commissione Europea e dura 4 anni. L’operazione coinvolge circa 1.000 piloti e 100 vetture distribuiti in 10 paesi del Vecchio Continente.

Articoli precedente

Turbo da 292 CV per la Alpine A110S, la più sportiva delle spider di Dieppe

Articolo successivo

Porsche riasfalta e riapre il Nardò Technical Center: investiti 35 milioni