Home»News»Lotus, addio alle Elise, Exoge e Evora. Arrivano la Evija e la nuova Typ 131

Lotus, addio alle Elise, Exoge e Evora. Arrivano la Evija e la nuova Typ 131

0
Condivisi
Pinterest Google+

Chi entra e chi esce: il futuro della Lotus, il costruttore britannico controllato dai cinesi di Geely, è legato alla Typ 131. Ossia il nuovo modello che fungerà da riferimento per la nuova generazione di auto. L’alimentazione sarà, almeno in parte, ancora termica. Perché a quanto pare potrebbe abbinare un’unità V6 ad una forma di elettrificazione.

La Lotus Typ 131 monterà un sistema ibrido sviluppato internamente

Il blasonato costruttore britannico ha deciso di sviluppare internamente il sistema ibrido. Poi arriveranno i modelli elettrici, anche perché Lotus ha siglato un’intesa con il marchio Alpine del gruppo Renault, che in futuro offrirà solo vetture a zero emissioni. Il primo, in realtà, è ormai in rampa di lancio: la Lotus Evija, la hypercar da 2.000 CV a tiratura limitata (appena 130 esemplari) da 2 milioni di euro. La casa di Hethel ha investito 100 milioni di sterline (circa 113 milioni di euro) nell’ammodernamento dello stabilimento di Norwich, dove conta di creare qualche centinaio di nuovi posti di lavoro.

Entro la fine dell’anno cesserà la produzione di Elise, Exoge e Evora

Con la Typ 131, il cui prototipo che anticipa la versione di serie dovrebbe arrivare su strada nel corso di quest’anno, pare destinato a non debuttare sul mercato entro la fine del 2021. Con l’arrivo di questo nuovo modello, sono usciranno di scena la Elise, la Exoge e anche la Evora. Il costruttore prevede ancora delle edizioni speciali, ma la produzione in serie terminerà quest’anno. La Typ 131 verrà posizionata sopra la Evora, ma non sarà una nuova Esprit. Almeno per ora, il marchio britannico dal dna sportivo, non ha rilasciato dettagli tecnici circa il nuovo modello.

Articoli precedente

Brent e quotazioni stabili, ma IP aumenta comunque benzina e diesel

Articolo successivo

Veicoli Commerciali Ford primi in Europa e da record in Italia nel 2020