Home»News»MAGNETI MARELLI/ Corsi professionali per gli alunni IPSIA

MAGNETI MARELLI/ Corsi professionali per gli alunni IPSIA

0
Condivisi
Pinterest Google+

PESCARA – La RGZ Magneti Marelli ha siglato una collaborazione con l’istituto IPSIA Dino Ugo di Marzio di Pescara, Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato. L’Azienda mette a disposizione la propria conoscenza scientifica, tecnologica e gestionale per svolgere percorsi professionalizzanti rivolti agli alunni del quarto e quinto anno, al fine di formare operatori e tecnici qualificati da inserire nel mondo del lavoro, nei diversi livelli professionali dei settori post vendita dell’autoveicolo, con la possibilità di effettuare degli stage presso i ricambisti specializzati e le officine della rete Magneti Marelli Checkstar Service Network. Il primo incontro si è svolto agli inizi di aprile. La lezione si è svolta con la presentazione dell’azienda, l’illustrazione dello scenario del mondo dell’automobile e il contesto degli autoriparatori italiani, l’esame delle prospettive del settore della riparazione e la presentazione del progetto Checkstar Service Network come case history aziendale. A fine lezione c’è stato un dibattito aperto e la distribuzione di manuali tecnici relativi ai corsi di formazione sui sistemi elettronici RGZ Magneti Marelli eroga. L’azienda, tradizionalmente ai vertici della formazione tecnica dell’autoriparazione, ha in fase di definizione altre collaborazioni con diversi Istituti professionali, per agevolare principalmente l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, in particolare nei settori legati all’automotive, settore che nonostante occupi centinaia di migliaia di addetti, soffre ancora della mancanza di un percorso formativo adeguato per i giovani che vogliono avvicinarlo. Con queste iniziative RGZ Magneti Marelli inizia a proporsi come valido supporto per quegli studenti che vorrebbero fare della propria passione per l’auto, una base per la propria attività futura.

Articoli precedente

MINI/ I quattro tetti firmati IED

Articolo successivo

SPARCO/ Un bilanco positivo per l'inizio 2006