Home»News»MAGNETI MARELLI/ Premiato il sistema SFS Flexfuel

MAGNETI MARELLI/ Premiato il sistema SFS Flexfuel

0
Condivisi
Pinterest Google+

DETROIT (USA) – Prestigioso riconoscimento internazionale per il sistema multi-combustibile SFS Flexfuel di Magneti Marelli. Si tratta del PACE Award 2006 (Premier Automotive Suppliers’ Contribution to Excellence), il premio promosso dal periodico Automotive News ed assegnato in occasione del SAE (Society of Automotive Engineers) di Detroit alla tecnologia SFS Flexfuel nella categoria “Product”. Attualmente il sistema, sviluppato da Magneti Marelli nello stabilimento brasiliano di Hortolandia, è utilizzato da oltre il 70% dei nuovi veicoli prodotti in Brasile. SFS Flexfuel, lanciato sul mercato nella versione bifuel (benzina e alcool) nel 2003 per applicazione sul modello VW Golf, consente alla vettura di funzionare con alcool, benzina o una qualsiasi miscela dei due combustibili con elevata autonomia e consumi ridotti, grazie ad un programma software integrato nella centralina elettronica di iniezione che identifica e quantifica la più corretta miscela di benzina e alcool nel serbatoio, utilizzando le informazioni ricevute dai sensori del sistema controllo motore e dalla sonda lambda. Partendo da queste informazioni il programma determina l’esatto rapporto della miscela aria/combustibile da iniettare nel motore e l’istante ottimale di accensione. Tra i costruttori che hanno scelto di adottare SFS Flexfuel anche Ford, GM, Renault, Peugeot e Fiat che equipaggia con lo SFS tutti suoi modelli prodotti in Brasile. Attualmente Magneti Marelli sta sviluppando la nuova tecnologia Tetrafuel che unifica la capacità di gestire ben quattro tipi di combustibile in una singola centralina elettronica (benzina, alcool, gasolina, gas naturale). Sarà una Fiat Siena il primo modello equipaggiato con il sistema Tetrafuel ad essere commercializzato entro la fine dell’anno.

Articoli precedente

EVENTI/ I tre giorni dell'autotrasporto al Transpotec

Articolo successivo

ŠKODA/ Inizio anno di vedite record per la Casa ceca