Home»News»Maserati Ghibli, nel 2020 prima ibrida del Tridente. Poi le nuove elettriche

Maserati Ghibli, nel 2020 prima ibrida del Tridente. Poi le nuove elettriche

0
Condivisi
Pinterest Google+

Maserati Ghibli, nel 2020 prima ibrida del Tridente. Poi le nuove elettriche

La Maserati Ghibli e le Maserati GranTurismo e GranCabrio saranno rispettivamente il primo modello ibrido e le prime auto elettriche del Tridente. Anche la case modenese entra nel futuro della mobilità sostenibile. E lo fa con investimenti da 1,6 miliardi di euro, che rientrano fra i 5 previsti da FCA per l’Italia.

Alta automazione, fino al livello 3, grazie all’intesa con Bmw

Gli stabilimenti interessati sono non solo quello di Modena, ma anche quelli di Cassino e Torino (Mirafiori e Grugliasco). Non solo: grazie all’intesa con Bmw, Maserati offrirà anche soluzioni di guida autonoma di “livello 2 potenziato”. Poi, fa sapere il Tridente, si arriverà anche allo scalino superiore. Quello “in grado di offrire una quasi completa indipendenza del veicolo, capace di mantenere la carreggiata e di portare il veicolo ad uno stop di sicurezza sul lato della strada nel caso in cui il conducente non sia in grado di assumerne il controllo”.

Maserati sarà al 100% “Made in Italy”: la Ghibli ibrida arriva nel 2020

Il gruppo intende valorizzare il Made in Italy perché “tutti i nuovi modelli Maserati saranno sviluppati, ingegnerizzati e prodotti al 100%” nel Belpaese. La Maserati Ghibli ibrida arriverà nel 2020 e verrà fabbricata a Torino. A Cassino verrà invece prodotto uno “utility vehicle” con le insegne del Tridente. I primi modelli, quelli di pre-serie, sono attesi per la fine del 2021, grazie aut investimento di 800 milioni sulla nuova linea di assemblaggio. Le versioni elettriche della GranTurismo e della GranCabrio verranno fabbricate a Torino, dove FCA sta spendendo altri 800 milioni nel rinnovamento del polo produttivo.

Dieci versioni elettrificate di modelli FCA, nuovi o esistenti, entro il 2021

Dopo il ritiro dell’offerta di fusione con Renault, la sopravvivenza del gruppo italoamericano è legata al successo del piano che si esaurisce nel 2021. Sono previsti 13 modelli nuovi o aggiornati in modo significativo e versioni elettrificate di 12 modelli nuovi o esistenti (Maserati inclusa). Fra questi ci sono anche la Fiat 500 elettrica prodotta a Mirafiori ed il nuovo veicolo premium Alfa Romeo assemblato a Pomigliano. Non è chiaro se fra i modelli inediti ci sia la Fiat Centoventi, appena insignita del prestigioso Red Dot Award come miglior design concept.

Articoli precedente

Cartello auto, a Bmw non interessa accordo con UE: accuse inappropriate

Articolo successivo

Nuova puntata TV: familiari, crossover, pick-up e un tocco di elettrico