Home»News»Maserati GranTurismo Zeda, il modello unico che omaggia l’icona GT

Maserati GranTurismo Zeda, il modello unico che omaggia l’icona GT

0
Condivisi
Pinterest Google+

Maserati GranTurismo Zeda, il modello unico che omaggia l’icona GT

L’auto dell’addio è la Maserati GranTurismo Zeda, che allo stesso tempo anticipa e annuncia l’arrivo di modelli rinnovati e completamente  zero emissioni. Non a caso a Modena cominciano a anche i lavori di ristrutturazione dell’impianto che ha fabbricato le super sportive. Perché le attuali GranTurismo e GranCabrio andranno in pensione.

Esterni “avveniristici” per la Maserati GranTurismo Zeda

Quelle nuove, in realtà, verranno prodotte a Torino. La Maserati GranTurismo Zeda (“zeta” in dialetto modenese), informa la casa del Tridente, è “il ponte che unisce il passato, il presente e il futuro”. Il passato è quello che termina a Modena, il presente è la conversione, il futuro è l’elettrificazione: i due modelli saranno le prime Maserati ad adottare soluzioni al 100% elettriche. La vettura è un’auto unica dagli esterni definiti “avveniristici” e realizzati dal Centro Stile Maserati. Le superfici della Zeta subiscono un mutamento e si arricchiscono passando da un effetto satinato chiaro fino ad un color metalluro brunito.

Massima espressione del carattere GT della casa del Tridente

La parte centrale si trasforma ulteriormente diventando più profonda e arrivando al blu Maserati, che diventa elettrico, appunto. Le GranTurismo e GranCabrio sono state vendute in oltre 40.000 esemplari dal 2007 e dal 2009 in poi, rispettivamente 28.805 e 11.715 unità. Le combinazioni tra pacchetti, colori, motori, allestimenti e via elencando sono invece almeno 400.000. Almeno finora, la GranTurismo è la massima espressione del carattere del Tridente Perché sono il cofano monta il V8 Ferrari da 4.7 litri da 460 CV e 520 Nm di coppia massima.

Articoli precedente

Anteprima "ministeriale" per la quarta generazione della Skoda Octavia

Articolo successivo

Incidenti 2018: a Roma, Reggio Calabria e Milano le strade più pericolose d'Italia