Home»News»Germania, mercato aprile a +8,4%. Fiat e Alfa Romeo si riprendono, Jeep no

Germania, mercato aprile a +8,4%. Fiat e Alfa Romeo si riprendono, Jeep no

0
Condivisi
Pinterest Google+

In aprile la quota privati sul totale delle immatricolazioni di auto nuove in Germania è stata del 34,9% a conferma che quello tedesco è soprattutto un mercato business, che contribuisce a spiegare anche come mai la potenza media delle auto sia così elevata (di sicuro rispetto all’Italia). Lo scorso mese sono state vendute 315.921 auto, cioè l’8,4% in più rispetto all’aprile del 2015 con un significativo guadagno rispetto a marzo (ma la Pasqua anticipata aveva influito negativamente sulle vendite). Dall’inizio dell’anno in Germania i volumi sono lievitati del 5,6% a 1,107 milioni di vetture. Per FCA, che aveva archiviato lo scorso mese con Fiat e Jeep fortemente negative e con Alfa Romeo sostanzialmente stabile (+0,3%), aprile è stato un buon mese: il Biscione ha guadagnato il 14,2% (ma con sole 241 immatricolazioni) e si mantiene positivo nel quadrimestre (+2,5%), Fiat avanza del 19,4% (quasi 8.500 macchine) e tra gennaio ed aprile ha guadagnato il 2,9%, mentre Jeep, che arriva da un anno di grande crescita, perde ancora terreno: -11,9% nel mese e -10,5% nel quadrimestre.

Nei prossimi mesi ci sarà da capire se l’indagine aperta sul conto dei Fiat dalle autorità federali per un possibile sistema “a tempo” sulle emissioni avrà ripercussioni o meno. Di sicuro in Germania il dieselgate sta penalizzando Volkswagen, che cresce meno del mercato (+3,1% in aprile e -2% da gennaio in poi) e perde quote. Come in Italia, volano Jaguar, Honda e Ssangyong volano, rispettivamente +125% (+85% nel quadrimestre), +901% (+48,9%) e +80,5% nel mese (+84,2%). Pochi i marchi negativi e quelli francesi sono i più penalizzati: Dacia, DS, Renault e poi Seat, Subaru e Suzuki.

Articoli precedente

Con Renault 4Control diventa tutto più facile

Articolo successivo

In giugno debutta la nuova Porsche 911 GT3 RS, è quella di Lego