Home»News»Mercato Italia sale da 34 mesi: 20% dei volumi l’ultimo giorno

Mercato Italia sale da 34 mesi: 20% dei volumi l’ultimo giorno

0
Condivisi
Pinterest Google+

Con uno spumeggiante marzo, archiviato con 226.163 nuove immatricolazioni pari ad 18,2 percento in più rispetto allo stesso mese del 2016, in Italia il primo trimestre dell’auto ha chiuso con una crescita dell’11,9 percento. Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, che rappresenta anche i concessionari, è sospettoso: “Le immatricolazioni in Italia tornano sopra le 200.000 unità. Mercato pompato o boom degli acquisti? Emblematiche le 47.000 targhe dell’ultimo giorno“, rileva in un comunicato.

Un eventuale sforzo per “drogare” il mercato deve comunque essere stato particolarmente oneroso poiché nel marzo del 2016 le vendite erano cresciute in Italia del 18%. Aurelio Nervo, numero uno dell’Anfia, osserva come quest’anno il mese abbia avuto anche un giorno lavorativo in più: forse non vale 47.000 targhe (il 20% del totale), ma sicuramente incide. L’Italia contabilizza così il trentaquattresimo mese di rialzo consecutivo. Per risalire ad un marzo migliore accorre arrivare al 2010, con 259.000 unità. Le auto ibride ed elettriche hanno registrato un andamento migliore rispetto a quello medio. La quota di quelle a GPL è arrivata al 6,1 percento contro il 5,4 di un anno fa, mentre il metano “scivola”.

Ancora una volta FCA va meglio rispetto al mercato (21,3 percento) con una penetrazione salita al 30,1% trascinata da Alfa Romeo (+46,1 percento) e Jeep (+26,3 percento) e sostenuta da Fiat (+19,9 percento). Lancia è cresciuta quasi in linea con la media. Bene anche i brand nazionali più esclusivi come Maserati (+116 percento), Lamborghini (+43 percento) e Ferrari (+32 percento). Fiat domina il segmento A con Panda e 500, il B con Lancia Ypsilon, il C con la Tipo (25 percento di quota) e fra i suv piccoli con 500X.

Solo tre marchi hanno chiuso il mese con un saldo negativo (Mitsubishi, Dacia e Lexus), che diventano sette analizzando i dati del trimestre. In marzo le crescite più significative sono di Jaguar (+78 percento, +105 da inizio anno), Suzuki (+54 percento), Skoda (+47 percento) e Mazda (+42 percento).

In marzo FCA piazza addirittura 7 modelli nella Top 10 d’Italia con la solita Panda regina del “botteghino” a quota 17.335 unità. Fiat Tipo è seconda con 8.340 esemplari, mentre il podio è completato da Lancia Ypsilon (8.302). Fiat 500 è quarta e dopo Renault Clio, VW Polo e Ford Fiesta completano la Top 10 500X, 500L e Punto. Nel trimestre Fiat “perde” la Punto, sostituita in decima posizione della best seller d’Europa, la VW Golf. Sul podio si sono Panda, Lancia Ypsilon e 500.

Articoli precedente

Mercedes Classe E SW All-Terrain: comfort e tanta libertà in più

Articolo successivo

Peugeot 308 pronta per il debutto in versione aggiornata