Home»News»Italia, mercato a +17,1% in settembre

Italia, mercato a +17,1% in settembre

0
Condivisi
Pinterest Google+

Settembre da incorniciare per il mercato dell’auto nuova in Italia che fa registrare una crescita delle immatricolazioni del 17,1% (130.071). Da inizio anno l’aumento è del 15,53% rispetto allo stesso periodo del 2014 con volumi vicini a 1,2 milioni (1.196.270). Lo scorso mese gli ordini sono saliti meno del mercato: 135.000 secondo lo scambio di informazioni tra ANFIA e UNRAE, pari all’11% in più, mentre da inizio anno l’aumento è del 15% (1.190.000). In espansione le vendite di modelli a benzina (ma è presto per parlare di una fuga dal diesel dopo lo scandalo sulle emissioni, anche perché la sua incidenza è passata dal 52,6 al 53,5%) salite al 33,1% di quota (28,9% un anno fa). Per le vetture a GPL, la quota di mercato è del 6,8% a settembre (contro il 9,8% di un anno fa), in calo anche rispetto ad agosto 2015 (7,6%). Il metano si attesta, nel mese, al 4,4% di quota (6,9% un anno fa), in leggero ribasso rispetto ad agosto 2015 (4,6%). Le vetture ibride ed elettriche portano la quota al 2,1%, contro l’1,8% di un anno fa (1,5% ad agosto 2015).

Le marche nazionali vanno meglio della media (+20,4%) con una quota che sale al 28,5% (27,7% nel settembre del 2014). I marchi di FCA (senza Ferrari e Maserati) mettono a segno un +20,3% grazie sempre a Jeep (+251,6%), Fiat (+23,8%) e Alfa Romeo (+11%). Positivi anche due marchi di lusso: Maserati (+41,7%) e Lamborghini (+100%). Da inizio sia i brand nazionali sia del gruppo FCA aumentano del 17,5%. Pochissimi i marchi negativi in settembre oltre a Chevrolet il cui addio all’Europa è ormai imminente: Lancia (-19%), DS (-31%), Volkswagen (-1,4%), Ferrari (-13,3%), Land Rover (-12,7%) e Great Wall (-91%). Da inizio anno, fra i brand di “volume” solo DS e Honda sono precedute dal segno “-”, poco più del due quello francese e meno di uno quello nipponico.

Articoli precedente

Fiat e Mitsubishi: alleanza per un nuovo pick-up

Articolo successivo

Kia Sportage New High Tech con lo sconto e più ricca