Home»News»MERCATO AUTO/ Tonfo a dicembre: -21,7%

MERCATO AUTO/ Tonfo a dicembre: -21,7%

0
Condivisi
Pinterest Google+

Roma – Anche a dicembre il mercato italiano dell’auto riporta una significativa caduta: -21,7% per un totale di 130.319 unità immatricolate. Questo risultato porta i volumi complessivi di immatricolazioni del 2010 a 1.960.282 unità, con una flessione del 9,2% sui volumi registrati nel 2009 e del 21,4% su quelli del 2007, anno record. Bisogna risalire al 1996 per trovare un risultato simile, ovvero al di sotto della soglia critica dei 2.000.000 di unità. La quota di penetrazione delle vetture ad alimentazione alternativa sul totale immatricolato nel 2010, che nel primo trimestre era del 31%, nel periodo aprile – dicembre è scesa al 10,9%, togliendo così continuità ai benefici ambientali già ottenuti, soprattutto in termini di riduzione delle emissioni di CO2. Nel 2010 la quota di penetrazione si attesta al 17,7%, mentre nel solo mese di dicembre registra il valore più basso dell’anno: appena il 9,1%. Le marche nazionali registrano 39.541 unità immatricolate nel mese (-25,2%), con una quota di mercato del 30,3%. Nel 2010 i volumi complessivi si attestano a 595.584 unità (-16,3%), mantenendo una quota di mercato del 30,4%. Ai primi due posti della classifica delle auto più vendute nel mese troviamo nuovamente Fiat Punto (10.279 unità) e Fiat Panda (9.803 unità). Fiat Punto (154.061 unità) e Fiat Panda (137.772 unità) conducono anche la classifica annuale, seguite da Ford Fiesta, terza anche a dicembre. In lieve calo rispetto a novembre la quota di vetture diesel immatricolate nel mese, che si attesta al 49,7%, mentre nei dodici mesi raggiunge il 45,9%. Il mercato dell’usato riporta ancora un segno positivo: +3,8% a dicembre 2010 su dicembre 2009 con 413.050 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari. Nel cumulato da inizio anno la variazione positiva è dell’1,7% sullo stesso periodo del 2009.

Articoli precedente

ANAS/ Pedaggi autostradali: ecco il dettaglio degli aumenti

Articolo successivo

RENAULT/ Chiude il 2010 in controtendenza: +13,9%