Home»News»Mercato auto, crescite importanti per Jaguar, Suzuki e Alfa Romeo

Mercato auto, crescite importanti per Jaguar, Suzuki e Alfa Romeo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Avvio spumeggiante per il mercato europeo dell’auto, che ha archiviato gennaio con una crescita del 10,2% a 1,170 milioni di vetture nuove immatricolate (oltre 1,2 considerando anche i tre paesi Efta), oltre 5.800 delle quali a marchio Alfa Romeo, uno dei brand cresciuti di più. Irlanda e Slovacchia sono stati gli unici paesi che hanno chiuso il mese con un saldo negativo. Malgrado la Brexit, il Regno Unito ha contabilizzato una progressione del 2,9%, la percentuale più bassa fra i cinque grandi mercati del Vecchio Continente, inclusa la Germania, dove le vendite sono state sostenute da forti sconti: la media è stata calcolata dal Center of Automotive Research (CAR) dell’Università Duisburg-Essen in oltre il 14% (il primato spetta a Citroen C3), oltre un punto in più rispetto allo scorso anno.

Jaguar, Suzuki e Alfa Romeo, con crescite dei volumi del 44, del 30% e del 29%, sono quelli che hanno fatto registrare il miglior andamento, anche se complessivamente valgono meno del 2,5% di quota. Fra i gruppi, FCA è quello andato meglio (+15%) sostenuto non solo da Alfa Romeo, ma anche da Fiat (+17,1%) con quasi 62.700 immatricolazioni. Al contrario, dopo mesi sulla cresta dell’onda, Jeep ha segnato il passo con una flessione del 5%. Positiva, ma sotto la media, anche Lancia Chrysler, +2,7%. Il gruppo Volkswagen è cresciuto in linea con il mercato e facendo registrare l’ottimo andamento di Seat (+26%) e i positivi risultati di Skoda (poco sopra l’11% di crescita) e della stessa Volkswagen (poco sotto l’11%). Daimler è quello che più si è avvicinato alla performance di FCA, raggiungendo il 14,6% di crescita (+15,9% Mercedes e +4,3% Smart). Groupe PSA, che punta all’acquisizione di Opel, cresce del 6,8% ma solo Peugeot fa meglio del mercato, mentre DS perde un terzo dei volumi. Kia sale del 20% mentre fra i marchi che perdono terreno ci sono Mazda (-9%) e Honda (-7%).

Articoli precedente

Richiami particolari per la supercar Aventador e Mirai fuel cell

Articolo successivo

Debutta in Svizzera il prossimo suv indo-coreano, SsangYong XAVL