Home»Auto sportive»Mercedes Amg GT R: ha nel mirino la Porsche 911 GT3

Mercedes Amg GT R: ha nel mirino la Porsche 911 GT3

1
Condivisi
Pinterest Google+

Per quanti hanno sempre desiderato una Mercedes Amg GT ancora più performante, la Casa tedesca ha messo a punto la versione “R”. Presentata ufficialmente al Festival of Speed di Goodwood, la Mercedes Amg GT R sarà disponibile dall’anno prossimo a un prezzo di circa 200.000 euro e si proporrà quale alternativa alla Porsche 911 GT3. Rispetto all’elegante coupé GT “base”, le modifiche apportate sono molte, tutte focalizzate per ottenere il massimo dalle prestazioni.  Innanzitutto, sotto il lungo cofano motore, dal 4.0 V8 biturbo sono stati spremuti altri 75 cv, per una potenza complessiva di 585 cv e 700 Nm di coppia. Il cambio robotizzato a doppia frizione ha rapporti rivisti, con la prima marcia più corta per favorire lo spunto e l’ultimo rapporto allungato per incrementare la velocità massima: la Mercedes dichiara che la GT R impiega solo 3,6 secondi per passare da 0 a 1oo km/h e raggiunge i 320 km/h.

Prestazioni rese possibili anche da un nuovo differenziale autobloccante a gestione elettronica e da un rinnovato controllo elettronico regolabile su 9 parametri d’intervento e dalla massa complessiva dell’auto (1.155 kg a secco) inferiore di 15 kg rispetto alla già sportiva GT S grazie all’utilizzo di un tetto in carbonio, impianto di scarico in titanio e albero di trasmissione in fibra di carbonio. Per far fronte alle rinvigorite prestazioni è stata poi evoluta l’aerodinamica dell’auto: al fine di garantire la massima stabilità alle velocità più elevate è stato introdotto un alettone posteriore e ridisegnati l’estrattore d’aria e lo splitter anteriore: stando a quanto dichiarato, grazie a queste modifiche la Mercedes Amg GT R avrebbe un carico aerodinamico superiore di 155 kg rispetto alle “mormali” GT. Inoltre, al fine di assicurare una minore resistenza aerodinamica, le prese d’aria anteriori sono dinamiche: si aprono solo quando è necessario raffreddare la meccanica.

Se l’aerodinamica dell’auto ha subito delle modiche, non meno cure ha ricevuto l’assetto. Le sospensioni a controllo elettronico Amg Ride Control sono state riviste nella taratura, ci sono carreggiate allargate, una nuova barra antirollio posteriore e i cerchi da 19″ all’anteriore e 20″ dietro calzano pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2, praticamente dei “semislick” omologati per circolare su strada, ma che offrono il massimo della trazione anche in pista. Non solo… per migliorare la maneggevolezza tra le curva, la Mercedes Amg GT R adotta le quattro ruote sterzanti: fino a 100 km/h quelle anteriori ruotano di 1,5° in senso opposto a quelle anteriori, oltre questa velocità nella stessa direzione.

 

 

Articoli precedente

Dieselgate e consumi: l'UE non tutela i consumatori

Articolo successivo

Mazda MX-5 Levanto: una nuova one-off da Garage Italia Customs