Home»News»MERCEDES-BENZ/ La seconda tappa di Classe E Experience da San Pietroburgo in Siberia

MERCEDES-BENZ/ La seconda tappa di Classe E Experience da San Pietroburgo in Siberia

0
Condivisi
Pinterest Google+

ROMA – La seconda tappa di Classe E Experience, la prova su strada che vede coinvolte 33 Mercedes-Benz Classe E in un tragitto da Parigi e Pechino, parte da San Pietroburgo, la più europea tra le città russe, per proseguire verso la capitale dell’impero attraverso estese aree paludose, boschive e luoghi ricchi di tradizione come Velikij Novgorod. Da Mosca prende il via il più lungo tratto ferroviario continuo del mondo, un percorso entusiasmante che attraversa diversi continenti. Si tratta della ferrovia Transiberiana, lunga 9.288 chilometri, che le Classe E continueranno ad incrociare fino a Ekaterinburg. Il nono giorno i partecipanti attraverseranno gli idilliaci paesaggi della regione di Vladimir, il cui omonimo capoluogo rappresenta uno dei siti più importanti dell’antica pittura iconografica russa. Vladimir fa parte dell’Anello d’oro, un gruppo di antiche città a Nord Est di Mosca, i cui sfarzosi monumenti architettonici riflettono l’anima russa. Anche la città di Ni_ni Novgorod, l’antica Gorki, situata ancora più ad Est, è ricca di tradizione ed al tempo stesso aperta alla sperimentazione: l’antica città anseatica, accessibile ai turisti solo dal 1991, è nota soprattutto in quanto centro della moderna architettura russa. Il più famoso fiume russo indica la strada da seguire. Sull’autostrada del Volga la decima tappa porta a Ceboksary, capitale della Ciuvascia, una delle repubbliche più densamente popolate di tutta la Federazione Russa. Qui il Volga si ferma nell’invaso artificiale di Ceboksari. 150 Km ad Est il lago artificiale di Samara, il più grande d’Europa con i suoi circa 550 chilometri di lunghezza, segna la prossima meta: la città di Kazan. La capitale della Repubblica del Tatarstan è il cuore di una delle regioni economicamente più sviluppate della Federazione Russa. In questa città, con oltre un milione di abitanti, Oriente ed Occidente vivono a stretto contatto con sfarzose moschee e chiese ortodosse pacificamente le une accanto alle altre. Il Cremlino della città è considerato uno dei più belli di tutta la Russia. Lasciato il Volga l’undicesimo giorno i team della Parigi-Pechino proseguono il loro viaggio in direzione Nord. Oltrepassato il Tatarstan, si incontra l’incantevole paesaggio dell’Udmurtia che offre una flora ed una fauna straordinariamente varie, con alci, ermellini ed orsi. La meta del giorno è Perm, città che sfiora il milione di abitanti. Caratterizzata dal grande porto fluviale, questa città è un importante centro industriale specializzato nella costruzione di macchine utensili. Poco lontano da Perm, gli Urali segnano l’immaginario confine tra Europa ed Asia. Dalla pianura dell’Europa orientale la strada attraversa paesaggi aridi, costeggia meravigliosi laghi fino al Bassopiano della Siberia occidentale, uno dei più vasti bassopiani della Terra. A soli 40 chilometri dalla linea di confine, il dodicesimo giorno di viaggio termina nella città siberiana di Ekaterinburg: quarta città per estensione della Federazione Russa. Aperta ai visitatori solo nel 1992, Ekaterinburg è un importante nodo stradale ed il centro scientifico, finanziario e dei servizi degli Urali. In questa città gli Zar russi lasciarono il segno: nel 1918 la città, che prese il nome da Caterina la Grande, diventò tristemente nota in quanto scenario dell’assassinio dell’ultimo Zar russo Nicola II, sterminato insieme alla famiglia dai Bolscevichi. La torre commemorativa eretta nel luogo dell’assassinio è oggi luogo di pellegrinaggio.

Articoli precedente

CONTINENTAL/ Il nuovo pneumatico invernale per SUV

Articolo successivo

RENAULT/ Nuovo sito internet per la massima assistenza ai clienti