Home»News»Mercedes-Benz Truck: importanti novità in termini di sicurezza

Mercedes-Benz Truck: importanti novità in termini di sicurezza

3
Condivisi
Pinterest Google+

La Mercedes-Benz Truck presenta due importanti novità, progettate per incrementare ulteriormente la sicurezza offerta dai propri veicoli. Si tratta di due anteprime a livello mondiale: l’Active Sideguard Assist, con frenata automatizzata, e l’Active Drive Assist 2.

La guida di grandi truck, a volte, non è per niente facile. Specialmente su strade strette in città, magari in prossimità d’incroci con scarsa visibilità. In tali circostanze l’attenzione da prestare alla manovra risulta di alto livello, in quanto l’autista deve tenere in considerazione molteplici fattori. I semafori, la segnaletica, il traffico proveniente nella direzione opposta, gl’ingombri del mezzo e gli spostamenti di pedoni e ciclisti nelle vicinanze. E proprio i movimenti delle persone possono risultare decisamente pericolosi.

Questo perché un non addetto ai lavori può mal interpretare le manovre che certi mezzi devono effettuare, necessariamente, per poter percorrere certe strade. Gli autocarri pesanti con passo lungo o con rimorchio, per esempio, prima di sterzare devono infatti proseguire diritti verso l’incrocio. Operazione indispensabile per tenere conto del movimento a seguire da parte del semirimorchio o del rimorchio. Un ciclista sul lato del passeggero anteriore o un pedone che attraversa potrebbe non aspettarsi una manovra di svolta, ma piuttosto la prosecuzione della marcia in rettilineo.

Active Sideguard Assist: un prezioso assistente

In tali circostanze il sistema di assistenza alla svolta della Mercedes-Benz Truck – disponibile dal2016 per molti modelli della serie Actros, Arocs o Econic– può garantire un valido supporto. Un supporto che sarà maggiormente incisivo grazie all’adozione dell’Active Sideguard Assist. Il nuovo sistema, oltre ad allertare il conducente della presenza di ciclisti o pedoni in movimento sul lato passeggero anteriore, può anche effettuare una frenata automatizzata fino al completo arresto del veicolo fino a una propria velocità di svolta di 20 km/h, se il conducente non reagisce ai segnali di avvertimento. L’ASGA è in grado di rilevare la necessità di effettuare questo intervento frenante attraverso l’angolo di sterzata e, idealmente, di evitare una possibile collisione.

L’Active Drive Assist (ADA) rappresenta un’ulteriore evoluzione sul fronte della sicurezza. Un sistema che, nel caso del nuovo Actros, consente per la prima volta a livello mondiale la guida parzialmente automatizzata secondo il livello 2 a bordo di un autocarro di serie. In determinate condizioni, supporta attivamente il conducente nella guida longitudinale e trasversale del veicolo e può mantenere automaticamente la distanza, accelerare e sterzare. A patto che siano soddisfatti i requisiti di sistema necessari, come un raggio di curva sufficiente o linee di demarcazione della carreggiata chiaramente visibili. Se il conducente si avvicina troppo al veicolo che precede, l’ADA può frenare autonomamente il truck in base alla distanza di sicurezza impostata rispetto al veicolo che precede. Quando la distanza dal veicolo che precede è di nuovo sufficiente, il sistema può accelerare nuovamente il truck fino alla velocità impostata.

Importante evoluzione dell’Active Drive Assis

L’ultimissima generazione (ADA2) sarà in grado di fare ancora di più. Avviare una frenata di emergenza se durante la marcia il sistema rileva che il conducente non interviene più in modo continuo nel processo di guida. In prima battuta, il sistema invita il conducente a riposizionare le mani sul volante mediante segnalazioni ottiche e acustiche. Se, dopo essere stato ripetutamente avvertito, il conducente continua a non reagire il truck è in grado di decelerare fino ad arrestarsi in sicurezza all’interno della propria corsia e  avvertire il traffico che segue attivando il lampeggiatore di emergenza. Una volta che il truck si è fermato, il sistema può inserire automaticamente il nuovo freno di stazionamento elettronico. Inoltre, le porte vengono sbloccate in modo da consentire a paramedici o ad altri soccorritori di raggiungere direttamente il conducente in caso di emergenza medica.

Sia l’Active Sideguard Assist che l’Active Drive Assist 2 saranno disponibili a partire da giugno 2021.

Articoli precedente

Nuove BMW M3 e M4: figlie dei tempi moderni

Articolo successivo

Opel Corsa e: declinazione convincente per l'elettrico di casa PSA