Home»News»Sette varianti ibride plug-in per l’aggiornata Mercedes Classe E

Sette varianti ibride plug-in per l’aggiornata Mercedes Classe E

0
Condivisi
Pinterest Google+

Sette varianti ibride plug-in per l’aggiornata Mercedes Classe E

Il restyling della Mercedes Classe E, sia berlina sia familiare, arriva in estate con addirittura sette varianti plug-in. Poi arriveranno anche la berlina a passo lungo, peraltro riservata al solo mercato cinese, e le carrozzerie Coupé e Cabrio. Per la prima volta della gamma motori farà parte anche un benzina a quattro cilindri con alternatore-starter integrato (ISG) di seconda generazione. La spinta supplementare garantita da questa tecnologia arriva fino a 15 kW (20 CV) e 180 Nm di coppia in più.

Potenze comprese fra i 156 ed i 367 CV e doppi SCR per le unità diesel

I modelli con questo propulsore disporranno di una rete di bordo a 48 V. Lo stesso ISG è stato impiegato anche per il sei cilindri, proposto per la prima volta sulla Mercedes Classe E. Più in generale, le potenza delle unità a benzina è compresa tra 156 e 367 CV, mentre quelle dei motori a gasolio oscilla fra i 160 ed i 330. Per limitare le emissioni le unità diesel sono abbinate ad un catalizzatore ad accumulo di NOX, a due catalizzatori SCR ed al filtro antiparticolato. La trasmissione 9G-Tronic è stata perfezionata e adeguata all’aggiornata tecnologia ISG.

Design più incisivo per il restyling della Mercedes Classe E

Esteticamente, la Mercedes Classe E è stata ammodernata con un diverso design dei fari (quelli anteriori sono a Led di serie), con una inedita mascherina del radiatore e con un paraurti differente. La Mercedes Classe E è anche molto più tecnologica grazie alla disponibilità dei sistemi di assistenza all guida di ultima generazione. Come il volante che riconosce se chi guida ha le mani sul volante o meno. E poi ci sono i sistemi attivi di assistenza alla regolazione della distanza, della coda, dello sterzo e della frenata. All’interno dell’abitacolo compaiono due schermi digitali di serie da 10,25”, a richiesta (o eventualmente su alcuni allestimenti) da 12,3”. La declinazione All Terrain, infine, sarà ancora più “suvizzata”.

 

 

Articoli precedente

Dacia Spring, nel 2021 debutta la prima citycar elettrica europea low cost

Articolo successivo

La nuova Honda Jazz diventa ibrida