Home»Electric»Mercedes EQC e il “sovranismo” con la Stella: prima l’Europa. Poi gli USA

Mercedes EQC e il “sovranismo” con la Stella: prima l’Europa. Poi gli USA

0
Condivisi
Pinterest Google+

La Mercedes EQC e il “sovranismo” con la Stella: prima l’Europa. Poi gli USA

Prima l’Europa, poi gli Stati Uniti: non per una questione di dazi, ma di domanda, Daimler ha deciso di posticipare di un anno il debutto della Mercedes EQC Oltreoceano. In Italia, il primo modello elettrico della gamma EQ è a listino a poco meno di 77.000 euro. Vale a dire assai più dei quasi 69.000 dollari richiesti negli USA, circa 62.000 euro.

Il suv elettrico negli Stati Uniti solo nel 2021

La Mercedes EQC avrebbe dovuto venire commercializzate sull’altra sponda dell’Atlantico nel primo trimestre del 2020. Invece, così è stato detto alla rete di vendita, non arriverà prima del 2021. Daimler ha optato per l’Europa, anche perché è nel Vecchio Continente che cominceranno a scattare le sanzioni per gli eventuali superamenti delle soglie di emissioni della flotta di nuova immatricolazione. Significa però anche che la casa di Stoccarda arriverà in ritardo con un modello a zero emissioni rispetto ai rivali sul secondo mercato al mondo.

Autonomia della Mercedes EQC in attesa di omologazione

Nel ciclo di omologazione WLTP, il suv Mercedes EQC è accreditato di un’autonomia di 471 chilometri. Anche più della Porsche Taycan, che però se la è vista ridurre dall’EPA. La casa con la Stella si starà forse interrogando anche su questa circostanza, che rischia di favorire la concorrenza di Tesla. Che non solo costruirà una Gigafactory proprio in Germania, ma continua a dominare il mercato USA delle auto elettriche. Audi e Jaguar hanno lanciato i propri primi modelli a batteria nel corso dell’anno, mentre Bmw avvierà le vendite della iX3, della i4 e della iNext fra due anni.

Articoli precedente

Ultima puntata della stagione 2019: Buon Natale!!! 

Articolo successivo

Nuovo logo Kia più minimalista, lettere stilizzate, via il campo ovale