Home»News»MOBILITA' / Il futuro elettrico dell'auto

MOBILITA' / Il futuro elettrico dell'auto

0
Condivisi
Pinterest Google+

ROMA – Il motore elettrico. E’ questo il futuro dell’auto. A sostenerlo è una ricerca condotta dall’Institute for business value di IBM chiamato “Automotive 2020: clarity beyond Chaos”, che mira a fare luce sui prossimi sviluppi dell’industria automobilistica in una situazione in cui i costruttori, alle prese con la crisi economica, producono vetture alimentate con diverse tecnologie e continuano ad investire molto nella ricerca. Da considerare ci sono diverse possibilità: la benzina, il diesel, il GPL, il metano, l’elettrico, l’idrogeno… dando per scontate le loro ibridizzazioni. Tra tutte queste fonti di energia, secondo i ricercatori, una soltanto sopravviverà e sarà quella elettrica, l’unica a circolare nel 2020, che è l’anno indicato come quello “della svolta”. Le auto a idrogeno, l’altra tecnologia pulita su cui le case stanno investendo molto, sarà invece meno fortunata, perché il 2020 è troppo vicino affinché una rete di distributori in grado di rifornire milioni di auto sia costruita. Le auto elettriche, al contrario, saranno avvantaggiate dalla possibilità di essere ricaricate in modalità plug-in, anche da casa. Sulla strada ci saranno nel 2020 auto alimentate soltanto da batterie, auto ibride (cioè che affiancheranno i propulsori elettrici a quelli tradizionali) e vetture “micro ibride”, che sfrutteranno i sistemi che spengono il motore quando l’auto è in coda (stop/start) o tecnologie per recuperare l’energia prodotta in frenata. Tutto questo sarà possibile grazie alla diffusione delle batterie agli ioni di litio, che permetteranno di superare il più grande ostacolo che oggi frena le performance delle auto elettriche: l’autonomia. Secondo lo studio le vetture del 2020 saranno capaci di percorrere in media fino a 150 km con una singola carica. La diffusione delle auto elettriche permetterà inoltre di migliorare la qualità dell’aria abbattendo le emissioni di CO2. Secondo le previsioni, si passerà dai 158 gr/km ai 97 stimati per il 2020, un dato che, se confermato, permetterà di centrare l’obiettivo dei 95 gr/km fissato dall’Unione Europea per quell’anno. Articolo tratto dal sito :www.H2Roma.org

Articoli precedente

BOSCH / Premiata con “eSafety Award 2008” nella categoria " Industria e Tecnologia"

Articolo successivo

ACI / EuroNCAP: dal 2009 niente 5 stelle senza l'ESC di serie