Home»News»Leaf, Nissan nel car sharing elettrico a Bari assieme a GirACI

Leaf, Nissan nel car sharing elettrico a Bari assieme a GirACI

0
Condivisi
Pinterest Google+

Con Leaf il car sharing sbarca a Bari, ma solo in versione elettrica grazie a GirACI, il servizio dell’Automobil Club d’Italia, e Nissan. Da gennaio nel capoluogo della Puglia sarà possibile fare ricorso a questa forma di mobilità individuale nell’utilizzo e collettiva nella disponibilità. Il servizio verrà garantito da una flotta di 30 Nissan Leaf, l’auto elettrica più venduta al mondo, che potranno venire fare il pieno di energia attraverso una rete di 6 colonnine di ricarica rapida CHAdeMO Nissan. Il servizio, per il quale da ieri sono già aperte le iscrizioni, funzionerà senza costi di abbonamento. Le tariffe a “minuto in movimento”, comprensive di consumi, variano a seconda della tipologia di utilizzo: da 29 cent al minuto quando avviene con prenotazione anticipata, con presa e rilascio presso parcheggi predefiniti, fino a 39 per la modalità a “flusso libero”, con presa dell’auto disponibile più vicina entro i 30 minuti dall’opzione. La tariffa si riduce a 0,05 euro al minuto quando l’auto è parcheggiata. Solo se un noleggio supera i 50 chilometro di percorrenza, verrà chiesto un ulteriore versamento di 10 cent per ogni km in eccesso.

Le Leaf del car sharing GirACI/Nissan hanno libero accesso alla ZTL e possono sostare gratuitamente nei parcheggi a strisce blu ed in quelli destinati a residenti. Recentemente il car sharing completamente elettrico era stato lanciato da car2go di Daimler nella città di Madrid. “Entriamo di fatto per la prima volta nel car sharing in Italia con la fornitura di veicoli elettrici e infrastrutture di ricarica rapida nella città di Bari – ha sintetizzato Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia – L’adozione di veicoli 100% elettrici può rappresentare una risposta concreta delle pubbliche amministrazioni sul tema della riduzione di traffico e delle emissioni di CO2 con benefici evidenti per il benessere delle persone e lo sviluppo economico generato dai diversi comparti legati alla mobilità elettrica”.

Articoli precedente

App Q8easy Club, il pieno si paga con smartphone e PayPal

Articolo successivo

La nuova Mercedes Classe E cambia corsia da sola al tocco delle "frecce"