Home»News»Norvegia, Oslo corre ai ripari contro i “furbetti del parcheggino” elettrico

Norvegia, Oslo corre ai ripari contro i “furbetti del parcheggino” elettrico

0
Condivisi
Pinterest Google+

Norvegia, Oslo corre ai ripari contro i “furbetti del parcheggino” elettrico

I furbetti del parcheggino esistono anche nella civilissima Norvegia, la nazione con la più alta quota di auto elettriche. Tanto che nella capitale Oslo l’amministrazione ha deciso di far pagare il rifornimento di energia, che fino a qualche settimana era gratuito. La ragione non è quella di fare cassa, bensì di consentire una maggiore rotazione presso le colonnine di ricarica pubblica.

Un’ora di rifornimento alla colonnina pubblica costa un euro durante il giorno

La sosta di un’ora presso una delle stazioni costerà un euro durante il giorno e mezzo euro nel corso della notte. A quanto pare anche a Oslo si era diffusa l’abitudine di lasciare la macchina presso le colonnine non tanto per il rifornimento, quando per il parcheggio. Nella capitale della Norvegia il 12% del parco circolante a zero emissioni ha raggiunto il 12%. Nel paese, in marzo, le immatricolazioni di veicoli a batteria avevano raggiunto un’incidenza record, addirittura il 57% del totale.

In Norvegia la quota di auto a zero emissioni più alta al mondo

Lo scorso anno la penetrazione è stata del 31,2% con oltre 46.000 unità immatricolate. Significa che si sta concretizzando quello che per altre città in cui la cultura elettrica (e l’infrastruttura collegata) è un vero incubo. E cioè una domanda elevata per i servizi collegati all’uso dei veicoli a zero emissioni, per il momento insostenibile perfino in quei paesi in cui viene foraggiato l’acquisto di modelli Green. A Oslo sono già state apportate modifiche alle 1.300 stazioni di ricarica. Nel 2019 in Italia la quota di mercato delle auto elettriche è stata dello 0,3%, soprattutto grazie al car sharing.

Articoli precedente

Dieselgate, chiesto il rinvio a giudizio di Winterkorn, ex Ceo di VW AG

Articolo successivo

Kia Habaniro Concept, la terza nuova elettrica al Salone di New York?