Home»News»Ford Focus ST con differenziale a slittamento limitato. E due nuovi motori

Ford Focus ST con differenziale a slittamento limitato. E due nuovi motori

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Focus ST con differenziale a slittamento limitato. E due nuovi motori

La nuova Ford Focus ST è la “più reattiva e agile di sempre”, assicura la divisione Perfomane dell’Ovale Blu. Non solo su strada, ma anche in pista. Sarà la prima a montare un differenziale a slittamento limitato, pensato per un veicolo a trazione anteriore. La nuova compatta ad alte prestazioni offre un’altra anteprima: i Drives Mode per la modulazione dei vari parametri, incluso il servofreno elettronico (Electronic Brake Booster).

Nuova Ford Focus ST in Italia solo a cinque porte

In Italia la Ford Focus ST sarà a listino esclusivamente nella versione a cinque porte, che sono poi quelle che assieme alle unità EcoBoost offrono anche gli smorzatori a controllo progressivo (Continuously Controlled Damping) che migliorano la risposta delle sospensioni posteriori indipendenti, con configurazione a bracci oscillanti di lunghezza variabile (SLA). La gamma dei propulsori è stata aggiornata con il 12% di potenza ed il 17% di coppia in più rispetto alla precedente generazione della Focus ST. Le nuove unità sono due: l’EcoBoost da 2.3 litri ad 280 CV e 420 Nm e l’EcoBlue da 190 CV e 400 Nm. Il turbo benzina vanta uno spunto da 0 a 100 km/h di appena 6 secondi.

L’EcoBue da 190 CV è il diesel più potente mai montato su una Focus

Il propulsore diesel è invece il più potente a gasolio mai montato su una Focus di serie. Le ST equipaggiate con le unità EcoBlue 2.0 dispongono anche del controllo della trazione in curva. I motori sono abbinati ad un cambio manuale a sei marce con funzione rev-matching per scalate più fluide oppure ad una trasmissione automatica a 7 rapporti. Sulla nuova Ford Focus ST è stata adottata una funzione che riduce il ritardo di risposta sviluppata dall’Ovale Blu per la supercar Ford GT e per l’aggressivo pick-up Raptor F-150. La corona dello sterzo è stata mutuata dalla Fiesta ST, mentre la risposta del servosterzo elettronico è del 15% più rapida rispetto alla Focus standard.

Il modello andrà in vendita a cominciare dall’estate

Gli accorgimenti estetici sono stati adattati alla funzione. Due esempi sono la griglia anteriore ottimizzata per aumentare la capacità di raffreddamenti e lo spoiler più ampio e inclinato che incrementa la deportanza a beneficio dei sistemi driving dinamics dell’Ovale Blu. Fra le funzioni di sicurezza e assistenza alla guida ci sono il co-pilot, il Cruise control adattivo, l’Adaptive Front Lighting System, il più evoluto Park Assist, lo head-up display e l’Evasive Steering Assist. La nuova Focus St verrà prodotta in Germania, a Saarlouis dove sono stati investiti 600 milioni di euro. In Europa le vendite cominceranno nel corso dell’estate.

Articoli precedente

Le immagini della nuova Ssangyong Korando, il suv sarà anche elettrico

Articolo successivo

Mini Classic elettrica, 100 esemplari "convertiti" per i 60 anni della tascabile