Home»News»Seat Leon, nuova e meglio equipaggiata, ma allo stesso prezzo

Seat Leon, nuova e meglio equipaggiata, ma allo stesso prezzo

0
Condivisi
Pinterest Google+

Nuova soprattutto nelle dotazioni, che sono più ricche, perché esteticamente non è troppo diversa da quella cui subentra: la quarta generazione di Seat Leon debutta nel gennaio 2017 confermando molti degli elementi che l’hanno fatta diventare il modello più venduto del costruttore spagnolo. A cominciare dal prezzo, annunciato pressoché invariato rispetto a quello attuale. Solo che ci saranno equipaggiamenti di serie per un controvalore compreso fra i 300 ed i 500 euro per renderla ancora più appetibile. Anche le carrozzerie annunciate a Barcellona saranno le stesse: tre porte (che però non è stata fatta vedere), cinque porte e station wagon. Misure e dimensioni non sono cambiate, mentre verrà ampliata l’offerta, che integrerà un’altra versione top di gamma, già vista su Ateca, la Xcellence. L’allestimento ad alte prestazioni Cupra arriverà più tardi.

Esternamente, la nuova Seat Leon avrà tre inedite verniciature (rosso Desire, violetto Boheme e blu Mistery), oltre a nuovi cerchi in lega. Ma, soprattutto, avrà nuovi e più efficaci proiettori Full Led nonché una griglia anteriore più tridimensionale e più grande di 4 centimetri. L’evoluzione, fa sapere Seat, è nei materiali, che dovrebbero assicurare anche una maggiore silenziosità (è stato adottato un nuovo parabrezza), nel motore TDI da 1.6 litri da 115 CV e nella dotazione tecnologica. La gamma dei propulsori è ampia e ogni mercato sceglierà quale importare. Sono compresi il bifuel a metano TGI da 1.4 litri e 110 CV, oltre a 6 benzina con cilindrate comprese fra gli 1.0 e gli 1.8 litri (fra 85 e 180 CV di potenza) e altri tre turbodiesel, oltre a quello già citato: da 1.6 litri da 90 CV e da 2.0 litri da 150 o 184. L’abitacolo è impreziosito da un nuovo schermo da 8 pollici e dalle consolidate funzioni a beneficio della connettività, carica wirelesse per gli smartphone e amplificatore di segnale Gsm inclusi. A partire dalla fine del 2017 sarà disponibile su Seat Leon anche un quadro strumenti digitale. Fra le funzioni che aiutano chi sta al volante ci sono il Lane Assist, il Traffic Jam Assist, il riconoscimento dei segnali stradali e l’assistenza alla frenata di emergenza.

Articoli precedente

L'uomo CEO, Carlos Ghosn alla presidenza di Mitsubishi

Articolo successivo

Kia Remote Assistant su Niro e Optima, auto sempre monitorata