Home»News»Opel Insignia GSi, la nuova sportiva che “rottama” la OPC

Opel Insignia GSi, la nuova sportiva che “rottama” la OPC

0
Condivisi
Pinterest Google+

Opel Insignia GSi è la variante sportiva della rinnovata berlina del Fulimne. Ha un assetto ribassato di 10 millimetri e monta il 2.0 litri turbo benzina da 260 CV. Il costruttore tedesco ormai controllato dal gruppo PSA ne ha annunciato il debutto al  Salone di Francoforte, tra il 14 ed il 24 settembre. Esteticamente è più “aggressiva”, con il suo frontale ed il suo posteriore decisamente più dinamici e con i suoi cerchi da 20 pollici.

Arriverà anche un nuovo turbodiesel

Opel Insignia GSi si distigue anche per le grandi prese d’aria anteriori cromate e per lo spoiler posteriore che ne riflettono l’anima sportiva. Rispetto alla precedente variante OPC equipaggiata con il V6 da 2.8 litri è più potente, ma anche più leggera di 160 chilogrammi. Significa che Opel Insignia GSi è più efficiente: con i suoi 400 Nm di coppia, l’unità è accreditata di un consumo di 8,6 l/100 km nel ciclo misto. A Francoforte, o forse anche prima, verranno rese note anche le caratteristiche dell’annunciato “nuovo e potente motore diesel” che equipaggerà il modello.

Opel Insignia GSi con teleaio FlexRide

La trasmissione è nuova: è il cambio automatico a otto marce ad attrito ridotto con leve al volante. Il telaio FlexRide di serie ed i freni Brembo sono stati impostati lungo l’impegnativo tracciato dell’Inferno Verde, il Nürburging. Opel Insignia GSi disporrà della trazione integrale con torque vectoring e monterà pneumatici Michelin Pilot sport 4 S ad alte prestazioni. Al volante si possono impostare quattro diverse modalità di guida che modificano la risposta di sterzo e acceleratore. Le prime tre sono quelle “normali”, cioè Standard, Tour e Sport, mentre la quarta, che si attiva schiacciando il tasto ESP, è un’esclusiva del modello, la Competition.

Articoli precedente

Futuro lavoro con lauree in "autologia" della Motorvehicle University

Articolo successivo

Renault Twingo La Parisienne, nuovo top di gamma "erede" di R4