Home»News»OPEL / Insignia prima nelle classifiche di vendita in Italia

OPEL / Insignia prima nelle classifiche di vendita in Italia

0
Condivisi
Pinterest Google+

ROMA – Insignia scala le classifiche di vendita nel proprio segmento e a luglio è prima assoluta fra i clienti privati con il 20,85% di quota e ben 1132 immatricolazioni. Se si considerano le vendite totali, e si includono quindi anche quelle alle flotte, le Insignia immatricolate a luglio superano le 1700, con una quota del 14,65% del segmento. Inoltre Insignia a luglio pesa per quasi l’1% del mercato totale degli autoveicoli. I clienti italiani privati hanno quindi preferito Insignia a tutte le concorrenti di pari segmento, ben 33, tra le quali anche quelle facenti parte del segmento cosiddetto “Premium”. Il successo di Insignia è dovuto ad un design sportivo ed elegante, a qualità dinamiche ottimizzate con motori tutti turbo, tutti Euro 5 e con cambi tutti a sei marce e tecnologia avanzata come telaio con sistema Flex-Ride, Fari AFL auto adattativi e telecamera Opel Eye. Il mix di vendita fra carrozzeria Sport (berlina) e Sports Tourer (Station Wagon) è equamente suddiviso (47% vs 53%) ed evidenzia una Insignia 4 porte (unica versione berlina disponibile in Italia) estremamente apprezzata dal pubblico italiano, al punto da renderla la vettura più venduta in assoluto nel suo segmento (berline di segmento D) a luglio, con 664 vetture vendute ed una quota pari al 21,27%. Questi valori sono pari a quasi il doppio rispetto alla berlina classificata seconda per vendite nel segmento D. E’ interessante anche il mix relativo alle versioni Insignia e Insignia Cosmo, rispettivamente la versione standard e quella più ricca, con la seconda che raggiunge il 92% delle preferenze. Ciò evidenzia come il cliente scelga nettamente una vettura completamente allestita e ricca di sistemi che ulteriormente ottimizzino le prestazioni, il confort e la sicurezza. Quindi il cliente preferisce avere una vettura con tutti gli ulteriori sistemi che rendono Insignia in modo ancora più netto l’ammiraglia Opel. A rafforzare tale concetto il fatto che sono pari al 30% le vetture acquistate con cerchi da 19 o 20 pollici (richiesti come optional), mentre  il sistema di orientamento automatico dei fari AFL viene scelto dal 32% dei clienti ed il navigatore, nelle versioni navi 500 e navi 800, è richiesto da oltre il 70% degli acquirenti. Anche gli interni in pelle sono molto richiesti e presenti su quasi il 50% delle Insignia immatricolate. Relativamente a motori e trasmissioni il mix di vendita è pari ad una quota del 66% per la motorizzazione 2.0 Turbo Diesel CDTI da 160 CV, del 24% per la 2.0 Turbo Diesel CDTI da 130 CV, dell’8% per il 1.6 Turbo benzina da 180CV e del 3% per il 2.0 Turbo benzina da 220CV. Quindi buon successo per i turbo benzina di Insignia, specialmente il 1.6 Turbo 180CV, in un segmento caratterizzato da motori turbo Diesel. I turbo benzina di Insignia portano l’ammiraglia Opel al primo posto a luglio anche nella classifica delle vetture a benzina più vendute nel segmento D (berlina più station wagon), con le 226 vetture immatricolate che rappresentano ben il 20,89% del segmento. Ulteriore dato relativo alle preferenze dei clienti italiani di Insignia sono il 30% di cambio automatico contro il 70% del cambio manuale. Anche in Europa il successo di Insignia è evidente con oltre 130.000 ordini dei concessionari e circa 100.000 ordini cliente.  Se si prende come riferimento il numero di ordini cliente, il primo mercato per Insignia è il Regno Unito, dove l’ammiraglia Opel viene commercializzata con il marchio Vauxhall, e dove gli ordini hanno superato i 26.500. Seguono Germania a 25.000 e Spagna a quasi 6500. In questa classifica l’Italia è quarta, ma il risultato va valutato tenendo conto che la commercializzazione nel nostro Paese è partita a febbraio per la Sport e a marzo per la Sports Tourer, contro il lancio a gennaio nel Regno Unito e in Spagna, e fine 2008 in Germania.

Articoli precedente

YOKOHAMA / Advan Sport V103 sulla Classe C

Articolo successivo

THERMO KING /Cambio di poltrona per Johan Van Maercke