Home»News»Opel Zafira, facelift con OnStar e hotspot WiFi anche in Italia

Opel Zafira, facelift con OnStar e hotspot WiFi anche in Italia

0
Condivisi
Pinterest Google+

Le prime consegne della rinnovata Opel Zafira, un facelift dell’ultima generazione, sono state fissate per ottobre. Tra le novità dell’aggiornamento cui è stata sottoposta la monovolume tedesca ci sono i fari anteriori Adaptive Forward Lighting a LED, le luci per la marcia diurna a doppia ala e la barra cromata scolpita con il logo della casa del Fulmine. Come già sulla nuova Astra, saranno disponibili i sedili anteriori ergonomici certificati da AGR. Dalla fine del 2016 in Italia sarà disponibile con Opel OnStar con l’hotspot Wi-Fi 4G/LTE: le trattative con il gestore erano in corso e, evidentemente, il costruttore è riuscito a trovare un’intesa che riguarderà anche gli altri modelli. Dentro l’abitacolo, Opel Zafira esibisce una plancia inedita, con un design più semplice ed elegante che assicura una maggiore visibilità anteriore con uno schermo sostituito da un touchscreen integrato da 7 pollici posizionato più in basso. Sulla monovolume verranno offerti due sistemi di infotainment IntelliLink di ultima generazione: l’R4.0 IntelliLink compatbile con Apple CarPlay e Android Auto ed il Navi 950 IntelliLink.

Opel Zafira sarà disponibile a 5 e 7 posti, con gli eventuali sedili della terza fila abbattibili a filo del piano di carico del vano bagagli. Dentro l’abitacolo sono stati ricavati oltre 30 vani portaoggetti. Nella versione a 5 posti il bagagliaio ha una capacità di 710 litri, che lievitano a 1.860 abbattendo i sedili della seconda fila. Opel Zafira può essere arricchita con la console centrale FlexRail e, tra le altre soluzioni, con il sistema FlexFix per il trasporto delle biciclette (fino a 4). Per prezzi, motorizzazioni ed equipaggiamenti ci sarà ancora da pazientare qualche tempo, ma non molto: Opel ha anticipato che gli ordini si apriranno a breve e poiché finora solo Tesla riesce a raccogliere ordini pur senza avere l’auto, è scontato che la casa tedesca fornisca qualche dettaglio in più.

Articoli precedente

Mercedes Italia: Lanzoni al Product Management, Blasetti alle PR

Articolo successivo

Mazzanti Millecavalli, la sportiva più potente d'Italia da oltre 400 km/h