Home»News»Ordini di auto che ancora non ci sono: i casi Model 3 e Classe X

Ordini di auto che ancora non ci sono: i casi Model 3 e Classe X

0
Condivisi
Pinterest Google+

Mercedes come Tesla, o quasi: nel Regno Unito gli ordini di Mercedes Classe X sono già aperti con il versamento di una caparra di 1.000 sterline. Solo che gli interessati non ne conoscono ancora il prezzo. La cifra è superiore, ma nemmeno troppo, ai 1.000 dollari di anticipo che 370.000 clienti hanno versato a Tesla per assicurarsi il diritto di acquisto di una delle prime Model 3. Il mercato dell’auto cambia ed anche i costruttori si adeguano. Tesla ha sicuramente creato una nuova tendenza, ritagliandosi ampi spazi sul web grazie ad una accorta politica di annunci, spesso affidati a stringati tweet.

Con Model 3 e l’ondata di richieste aveva sorpreso e, adesso, sembra destinata ad impressionare ancora di più. Perché entro la fine di febbraio dovrebbe cominciare a fabbricare il primo veicolo “popolare”. Naturalmente non esistono conferme ufficiali, ma l’agenzia Reuters riferisce la notizia citando il 20 di questo mese come data indicata ai fornitori. L’ipotesi è che, almeno in questa prima fase, si tratti di una produzione limitata. Gli analisti avevano ipotizzato luglio come mese per l’avvio della produzione. Elon Musk vuole portare quella complessiva di Tesla a mezzo milione entro la fine del 2018, tra le cinque e le dieci volte quelle attuale, ragione per la quale ha sfilato ad Audi Peter Hochholdinger.

Mercedes non ha problemi di produzione e con Classe X (che verrà fabbricato nello stabilimento Nissan di Barcellona) presidia ora anche il segmento dei pick-up. Quello che è insolito è il sistema varato nel Regno Unito, dove per il nuovo modello si possono già perfezionare gli ordini, ma senza averlo né provato né visto (a chi cambia idea l’anticipo verrà restituito). In realtà, a quanto pare, si tratta di una risposta all’enorme interesse nei confronti di Classe X, che in molti vorrebbero probabilmente assicurarsi prima degli effetti della Brexit. Per i pre-ordini è stato messo a punto un sito specifico. Il modello dovrebbe arrivare sul mercato entro la fine dell’anno.

Articoli precedente

Strada digitale per test a guida autonoma fra Germania e Francia

Articolo successivo

Suzuki Ignis: è lei la più compatta, la più capace