Home»News»Il Passo dello Stelvio è davvero una “strada della morte”?

Il Passo dello Stelvio è davvero una “strada della morte”?

2
Condivisi
Pinterest Google+

Un’indagine condotta in collaborazione con TomTom Telematics ha individuato 10 strade particolarmente pericolose da percorrere in giro per il mondo e nella classifica compare – unico “caso” in Italia ma, addirittura catalogata al secondo posto – la via che porta al Passo dello Stelvio: un percorso molto sfidante per i conducenti, diventato famoso per i motociclisti che vogliono testare la loro abilità su 60 tornanti in sequenza. Il clima rigido può rendere particolarmente rischiosa questa strada che, infatti, è spesso chiusa tra novembre e maggio.

Ed ecco le altre nove strade ad alto tasso di rischio che compongono la classifica.

North Yungas Road, Bolivia – nota come “Strada della Morte”, è spesso identificata come la strada più pericolosa al mondo. Salendo fino a 4.650 metri nel suo punto più alto, la strada collega La Paz a Coroico, passando per paesaggi montani e foreste pluviali. Sono stati stimati circa dai 200 ai 300 morti all’anno su questa strada, lunga meno di 50 miglia (più di 80 km). In un solo anno, 25 veicoli sono caduti nel burrone.

Taroko Gorge, Taiwan – L’autostrada centrale dell’isola di Taiwan che passa per il Parco Nazionale Taroko Gorge, è particolarmente suggestiva, ma ha sviluppato la reputazione di strada pericolosa per le sue curve cieche e a gomito, i punti particolarmente stretti e le condizioni climatiche particolarmente avverse.

Dalton Highway, Alaska – Conosciuta come una delle strade americane più isolate, la scorre per quasi 700 km di ghiaia e sporcizia nella natura fredda e selvaggia dell’Alaska. È stata costruita come strada di servizio per gasdotto Trans-Alaska ed è vittima di un meteo terribile, con temperature che scendono anche sotto i -60° C.

Zoji La Pass, India – Raggiunge l’altezza di circa 3.528 metri sopra il livello del mare, passando per l’Himalaya. Data la sua posizione, è soggetta a condizioni atmosferiche estreme, tra le quali abbondanti nevicate e forti raffiche di vento, che spesso la rendono impraticabile in inverno. Anche con il bel tempo, però, servono nervi d’acciaio perché la carreggiata è molto stretta e i dislivelli sono profondi, senza barriere che offrono protezione.

BR-116, Brasile – Soprannominata “L’Autostrada della Morte”, è la seconda più lunga autostrada nello Stato (oltre 4.300 km) e ha la più alta concentrazione di camion. Questo, insieme alle condizioni meteo imprevedibili e il terreno poco consistente, la rende una delle strade più difficili del Brasile. E sono anche possibili attacchi di banditi.

Fairy Meadows Road, Pakistan – Situata alla base del nono monte più alto al mondo, il Nanga Parbat, questa strada è sottoposta a una ridotta manutenzione, instabile e non abbastanza ampia per mezzi più grandi di una jeep. La salita di quasi 10 km è particolarmente rischiosa anche perché è senza barriere di protezione per i veicoli che tentano il percorso ghiaioso.

Cotopaxi Volcano Road, Ecuador – Cotopaxi è tra i vulcani attivi più alti al mondo e questo basta già a rendere questa strada spaventosa. Ma ci sono anche buche nascoste e una serie di corsi d’acqua soggetti a inondazioni. I conducenti devono anche attraversare i vapori fumanti del vulcano per entrare nel Parco Nazionale Cotopaxi.

Sichuan-Tibet Highway, Cina – Non è un percorso adatto a chi ha paura dell’altezza. La strada è lunga 2.142 km e sale per 4.700 metri sopra il livello del mare nel suo punto più alto. Fa parte della National Highway 318 cinese e attraversa 14 montagne altissime, con parecchie curve a gomito. Un tratto include addirittura 99 tornanti e il Si Du River Bridge mette alla prova il coraggio di chi guida perché è il ponte con il più alto passaggio al mondo.

Gouliang Tunnel, Cina – Scavata nelle montagne cinesi Taihang è diventato una delle maggiori attrattive turistiche per i visitatori della Cina. Costruito per collegare il villaggio di Guoliang con il resto della civiltà, è uno dei 10 tratti stradali più ripidi al mondo. Viene utilizzato da veicoli e pedoni e presenta parecchie discese e curve inaspettate che richiedono una elevata attenzione.

Articoli precedente

Citroen C3: in prova con il nuovo automatico EAT6

Articolo successivo

Dieselgate, l'italiano resta in carcere in Germania su richiesta degli USA