Home»News»PEUGEOT / La gamma accoglie nuove motorizzazioni Euro 5

PEUGEOT / La gamma accoglie nuove motorizzazioni Euro 5

0
Condivisi
Pinterest Google+

Milano – Peugeot continua la progressiva introduzione dei propulsori Euro 5 nelle sue gamme per anticipare le future norme ambientali: le nuove motorizzazioni 1.6 HDi FAP su 207, cuore della gamma del Leone, si affiancano alle già conosciute benzina (1.4 VTi, 1.6 VTi e 1.6 THP) e HDi FAP (1.4, 2.0 e 3.0). La direttiva anti-inquinamento Euro 5 prevede, principalmente, una forte riduzione dei valori limite di particolato per i veicoli Diesel (0,005 g/km) che obbliga di fatto all’adozione di un filtro contro le polveri sottili. Peugeot, già dal 2000 e prima al mondo, ha equipaggiato di serie i propri veicoli con il Filtro Attivo anti Particolato FAP di sua invenzione, riducendo le emissioni di particolato (dal famigerato PM10 fino a particelle di diametro 1000 volte più piccolo) a valori prossimi allo zero e rispettando già da allora i valori limite della direttiva Euro 5, con 10 anni di anticipo. Peugeot ha venduto quasi 2,5 milioni di veicoli equipaggiati con FAP nel mondo, oltre 200.000 in Italia. La Casa francese porta avanti i suoi impegni in termini di riduzione delle emissioni di CO2, delle emissioni inquinanti, e di diminuzione dei consumi di carburante (il 50% dei veicoli Peugeot venduti in Europa nel 2009 hanno emissioni di CO2 inferiori a 130 g/km). Così, oltre allo sviluppo e ottimizzazione delle sue motorizzazioni diesel HDi FAP e benzina VTi e THP, Peugeot lancerà prossimamente nuove tecnologie, come l’elettrica (iOn), l’HYbrid4 su motore Diesel (3008), o ancora lo sviluppo di motorizzazioni micro-ibride “e-HDi” (Stop&Start di nuova generazione).
Debuttano i nuovi motori 1.6 HDi FAP Euro 5 nelle versioni da 82 kW (112 CV) e da 68 kW (92 CV), frutto di un programma globale di sviluppo del Gruppo PSA Peugeot Citroën che ha richiesto un investimento di quasi 1,5 miliardi di euro in circa 4 anni. I nuovi 1.6 HDi FAP sono progettati per rispondere efficacemente alle future norme Euro 5, migliorando le loro prestazioni sia in termini di versatilità e brio sia in termini di comfort acustico, ottimizzando al contempo consumi e emissioni di CO2 (risparmio di circa il 5% rispetto alle versioni precedenti). La sfida consisteva nel risolvere questa equazione, riuscendo anche a contenerne il prezzo: grazie al loro nuovo contenuto tecnologico, questi quattro cilindri di 1.560 cc possono permettersi di disporre solo di otto valvole, migliorando piacere di utilizzo e prestazioni ambientali.

Articoli precedente

MERCATO / Veicoli Commerciali: chi sale, chi scende

Articolo successivo

NISSAN / L’elettrica Leaf lanciata alle Hawaii