Home»News»Piano segreto di Bmw: sopprimere fino a 6.000 posti di lavoro entro il 2022

Piano segreto di Bmw: sopprimere fino a 6.000 posti di lavoro entro il 2022

0
Condivisi
Pinterest Google+

Piano segreto di Bmw: sopprimere fino a 6.000 posti di lavoro entro il 2022

Forse i fatti non sono collegati, forse sì, ma nel giro di 24 ore è emerso che la responsabile del personale di Bmw, Milagros Caina-Andree, lascerebbe l’azienda, e anche che il gruppo bavarese avrebbe un piano per sopprimere fino a 6.000 posti di lavoro entro il 2022. Ufficialmente la 56enne manager, che è in Bmw dal 2012 e che è anche la sola donna a sedere nel board della società, ha lasciato per motivi personali.

Fino a quanto i conti saranno in ordine, sarebbero esclusi licenziamenti

Il suo contratto, tuttavia, sarebbe scaduto a metà del 2022. Che, “curiosamente, è anche l’anno in cui dovrebbe andare a compimento la “ristrutturazione” messo a punto dal nuovo numero uno, Oliver Zipse. Stando alle informazioni raccolte dalla testata Manager Magazin, sarebbero esclusi licenziamenti. Almeno fino a quando i bilanci di Bmw restano in attivo. La signora Susanne Klatten, che assieme al fratello Stefan Quandt controlla quasi il 50% della società (frutto dell’eredità dei genitori), con i suoi 21 miliardi di dollari di patrimonio è considerata da Forbes la donna più ricca di Germania.

Il piano colpisce prevalentemente i “colletti bianchi” a Monaco di Baviera

E anche la quinta più ricca al mondo. Nell’ultimo lustro, i soli dividendi del titolo Bmw hanno fatto affluire nella famiglia non meno di un miliardo di euro l’anno. A fare le spese dell’importante ridimensionamento (gli occupati sono attualmente poco meno di 134.500) sarebbero soprattutto i colletti bianchi. Il più colpito risulterebbe il quartier generale di Monaco di Baviera, dove parecchi “amministrativi” non verrebbero più sostituiti. Nella relazione sulla scorso bilancio il gruppo bavarese aveva già scritto che nel 2019 “gli obiettivi devono venire raggiunto con lo stesso numero di lavoratori dell’anno precedente”. Al contrario, nell’IT così come nell’elettrificazione e nella guida autonoma, Bmw continuerà ad inserire personale.

E Daniela Gerd tom Markotten lascia la guida di Reach Now

Il costruttore ha così due importanti caselle da riempire: oltre a quella del personale, resta anche quella della produzione. Zipse, infatti, aveva la responsabilità su questa divisione e la posizione di direttore è ancora vacante. Per il primo ruolo si parla di Ilka Horstmeier, responsabile del sito produttivo di Dingolfing, per il secondo di Milan Nedeljkovic, attuale numero uno della qualità. Assieme a Daimler, Bmw dovrà occuparsi anche di individuare anche una nuova guida per Reach Now, una delle società della joint-venture per i servizi alla mobilità. Daniela Gerd tom Markotten, in quota Mercedes, ha lasciato dopo appena sei mesi.

 

Articoli precedente

La conversione della Brahms, la nuova Nissan Leaf diventa carro funebre

Articolo successivo

Pininfarina e la Cina, Evergrande a Cambiano per il marchiocHengchi