Home»Electric»Lordstown Endurance, un altro pick-up elettrico per il mercato americano

Lordstown Endurance, un altro pick-up elettrico per il mercato americano

0
Condivisi
Pinterest Google+

Lordstown Endurance, un altro pick-up elettrico per il mercato americano

Salone “nuovo” (almeno nel calendario, tra il 7 ed il 20 giugno), pick-up nuovo: al NAIAS di Detroit dovrebbe debuttare un pick-up elettrico della Lordstown Motors. Che per produrlo ha rilevato un vecchio stabilimento di General Motors, che a sua volta ha appena annunciato una piano per l’elettrificazione.

Rilevato uno stabilimento di GM per la produzione, ma servono risorse

Il nuovo Lordstown Endurance si aggiunge così ad altri modelli analoghi a zero emissioni per i quali, almeno negli Stati Uniti, c’è molto attesa. A parte il Cybertruck di Tesla, ci sono i progetti di Rivian e di Bollinger. La start-up che il suo quartier generale nell’Ohio avrebbe pagato 20 milioni di dollari per il sito a GM, dalla quale avrebbe anche ottenuto un credito di 40. E tuttavia secondo gli analisti la società necessita di almeno 300 milioni per avviare la produzione: 200 li avrebbe chiesti allo stato. Il Lordstown Endurance sarebbe a trazione integrale poiché su ogni ruota verrebbe installato un motore elettrico. La potenza di sistema raggiunge i 608 CV, anche se la velocità massima non supererebbe i 130 km/h (128 per la precisione).

L’autonomia dichiarata per il peck-elettrico è di 322 km (ciclo EPA)

L’autonomia del pick-up elettrico  sarebbe i 322 chilometri, stimati per il ciclo di omologazione ammiccano dell’EPA, più severo di quello europeo (come ha scoperto la Porsche). La capacità della batteria non è stata ancora ufficializzata, ma il tempo di ricarica dovrebbe oscillare fra i 30 ed i 90 minuti. Equipaggiato con cerchi da 20 pollici, il pick-up elettrico Lordstown Endurance disporrebbe fino a 2,7 tonnellate di capacità di traino. Dopo la presentazione di giugno, il modello dovrebbe venire sottoposto ai crash test per andare in produzione nell’ultimo trimestre dell’anno. Per le eventuali prenotazioni servono mille dollari: un anticipo sui 52.500 che costituiscono il prezzo finale (poco meno di 47.500 euro).

 

Articoli precedente

Arriva la nuova Seat Leon, per la prima volta anche mild hybrid e plug-in

Articolo successivo

Volkswagen Group ancora primo costruttore, ma Toyota è più vicina