Home»News»Pick-up sul podio della Top 10 dell’auto negli USA da inizio anno. Poi un suv

Pick-up sul podio della Top 10 dell’auto negli USA da inizio anno. Poi un suv

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il pick-up Ford F-Series si è confermato il modello più venduto negli Stati Uniti anche nel primo semestre del 2017. L’incontrastato dominio dura dal dopoguerra. Nello stesso periodo, tuttavia, General Motors è risultato il costruttore con la maggior quota di mercato: 16,5%. L’Ovale Blu si è attestato al 15,5% con poco più di 1,294 milioni di veicoli commercializzati (GM è arrivata a quasi 1.414.500).

FCA “solo” quarto costruttore

Il terzo gruppo “americano”, peraltro a parziale controllo italiano, cioè Fiat Chrysler Automobiles, è quarto con il 12,7% (1.067.360). Sul podio dei costruttori c’è Toyota con 1,515 milioni di auto consegnate, pari ad una penetrazione del 13,8% in un mercato in calo del 2,6% (8.427.699 di immatricolazioni). Il dieselgate ha penalizzato il gruppo Volkswagen, che occupa il nono posto ed è stato scavalcato da Subaru. La casa delle Pleiadi ha consegnato 304.810 auto contro le 292.925 del gruppo tedesco.

La tripletta di pick-up yankee

La Top 10 non è una sorpresa perché dietro Ford F-Series (impressionanti quasi 430.000 esemplari commercializzati) ci sono, come sempre, Chevrolet Silverado (262.940) e Dodge Ram (250.443). Tutti gli altri modelli sono nipponici con tre Honda (CR-V, quarto assoluto, Civic e Accord) e tre Toyota (Rav4, Camry e Corolla). Nella top 50 compare un solo modello europeo, la VW Jetta (44°).

Ventisei asiatiche nella Top 50

Il Giappone figura con 19 modelli, la Corea del Sud con 7 e gli Stati Uniti con 14 ai quali si sommano i 9 di FCA. Nello specifico, oltre al Ram, si tratta di Jeep Grande Cherokee (14° con 11.6.379 unità), Jeep Wrangler (21°), Jeep Cherokee (27°), Dodge Grand Caravan (28°), Jeep Patriot (33°), Chrysler Pacifica (36°), Dodge Journey (41°) e Jeep Wrangler (49° con 53.027).

Articoli precedente

"Cupola" dell'auto e dieselgate, la Germania sopra le regole

Articolo successivo

I furbetti del listino: scendono le quotazioni, aumentano i prezzi