Home»Auto sportive»Porsche Cayman GT4 Clubsport, omologata per la pista

Porsche Cayman GT4 Clubsport, omologata per la pista

0
Condivisi
Pinterest Google+

Debutta al Salone di Los Angeles la Porsche Cayman GT4 Clubsport omologata per il VLN Long Distance Championship Nürburgring, la serie GT4 organizzata da SRO, il Pirelli GT3 Cup Trophy USA, l’Ultra 94 GT3 Cup Challenge Canada e altre competizioni promosse sia dal Porsche Club of America sia di Porsche Club di qualsiasi altra parte del mondo..

Con la Porsche Cayman GT4 Clubsport, la Casa tedesca mette a frutto tutta la sua straordinaria esperienza nella preparazione delle vetture per i campionati GT, maturata principalmente con la 911 GT3 nel corso di tanti anni e attraverso un’infinita di vittorie. La Porsche Cayman GT4 Clubsport “ruba” dalla 911 GT3 alcuni elementi alleggeriti delle sospensioni, mentre gli pneumatici slick sono stati realizzati appositamente da Michelin e sono calzati da cerchi forgiati da 18″. Solo il motore non è stato toccato dagli ingegneri della Porsche, rispetto a quello della GT4 stradale. Poco male: il sei cilindri boxer 3.8 aspirato è capace di ben 385 CV. Possono bastare.

Importanti modifiche hanno invece interessato l’impianto frenante molto sollecitato nell’utilizzo agonistico in pista. Per sopportare lo stress sono stati montati dischi in acciaio da 380 mm di diametro sia davanti sia dietro, ma all’anteriore ci sono pinze a sei pistoncini e quelle posteriori sono a 4. L’ABS? C’è, ma ognuno se lo può regolare su 12 livelli di intervento differenti. In tema di “aiuti” al pilota, il servosterzo è di tipo elettromeccanico e, a differenza di quanto accade sulla GT4 stradale, la Clubsport è disponibile solo con cambio a sette rapporti a doppia frizione con paddles al volante. Di rigore, ovviamente, il differenziale autobloccante.

Capitolo peso: la Porsche Cayman GT4 Clubsport ferma l’ago della bilancia a 1.300 kg e può essere ordinata – al prezzo di 111.000 euro tasse e personalizzazioni escluse – con serbatoio da 70, 90 o 100 litri, in base al regolamento del campionato al quale si intende prendere parte. La vettura è ovviamente doata di roll-cage integrale, sedile racing e cinture di sicurezza a sei punti.

Articoli precedente

Lovely, la Renault Twingo che non t'aspetti

Articolo successivo

Nissan Navara, la prova su strada del pick-up per l'Europa