Home»News»Europa apre procedura d’infrazione contro l’Italia sulle emissioni FCA

Europa apre procedura d’infrazione contro l’Italia sulle emissioni FCA

0
Condivisi
Pinterest Google+

FCA è “assediata”: dopo gli Stati Uniti, le cui autorità ambientali della EPA contestano emissioni sospette per 104.000 auto che potrebbero portare ad una multa di 4,6 miliardi di dollari, si è mossa anche l‘Europa. Il quotidiano tedesco Handelsblatt ha anticipato l’apertura di una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per una possibile violazione delle norme comunitarie. In ballo ci sarebbero le tecnologie per il contenimento delle emissioni, di Fiat 500X con il motore diesel da 2.0 litri in particolare. Cioè lo stesso modello per il quale solo a marzo Italia e Germania avevano chiuso il duro contenzioso aperto dal ministro federale dei trasporti tedesco Alexander Dobrindt. L’Italia diventerebbe così l’ottavo paese chiamato in causa a vario titolo sul dieselgate. Analoghe procedure d’infrazione erano già state aperte in dicembre nei confronti di Germania, Gran Bretagna, Spagna, Grecia, Repubblica Ceca, Lituania e Lussemburgo.

La mediazione comunitaria, ma, soprattutto, il vertice di gennaio tra la cancelliera Angela Merkel ed il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, avevano contribuito alla chiusura del contenzioso tra Italia e Germania. In quanto “guardiana dei Trattati”, la Commissione sembra aver tuttavia ravvisato un comportamento non corretto dell’Italia, ipotizzato già alla commissaria polacca per il mercato e l’industria Elżbieta Bieńkowska. Il governo potrà rispondere nel merito alle accuse.

Articoli precedente

Q8 aumenta benzina e diesel con le quotazioni di nuovo in calo

Articolo successivo

Diesel addio, Volvo non svilupperà una nuova generazione di motori