Home»News»Le batterie, il petrolio del domani: le diverse strategie di Mercedes e Toyota

Le batterie, il petrolio del domani: le diverse strategie di Mercedes e Toyota

0
Condivisi
Pinterest Google+

Le batterie, il petrolio del domani: le diverse strategie di Mercedes e Toyota

Dopo l’oro giallo e quello nero, è arrivato il tempo di quello da ricaricare: Mercedes e Toyota hanno annunciato nuovi investimenti per procurarsi batterie. Il costruttore tedesco ha deciso di produrre accumulatori anche nel sito polacco di Jawor. Il colosso giapponese ha invece ufficializzato una joint-venture con la Panasonic per lo sviluppo e la fabbricazione di batterie. Toyota deterrà il 51% di quote nella nuova società.

Daimler ha già 8 siti per la produzione di batterie

Daimler, il gruppo di cui fanno parte Mercedes e smart, dispone già di 8 siti produttivi distribuiti su tre continenti. L’importanza degli accumulatori per i veicoli del domani è evidente. E, infatti, Stoccarda ha investito un miliardo per fabbricare le batterie. A Jawor, dove il costruttore dovrebbe cominciare quest’anno a sfornare motori, l’aggiunta di una struttura dedicata all’assemblaggio degli accumulatori assicurerà altri 300 posti di lavoro (1.300 in totale). Per le celle Daimler ha invece deciso di rivolgersi direttamente al mercato: na ha rastrellate per un controvalore di 20 miliardi di euro. Significa una “riserva” per sostenere la crescita del mercato dei veicoli elettrificati prevista per i prossimi anni. La sola divisione Cars di Mercedes-Benz ha un piano per 130 varianti elettrificate entro il 2022, senza contare i veicoli commerciali, i bus ed i camion.

I prodotti della joint-venture potranno venire venduti ad altre case

La joint-venture tra Toyota e Panasonic si occuperà non solo della produzione, ma anche dello sviluppo delle batterie, comprese di quelle della prossima generazione. Il colosso nipponico sta lavorando a quelle allo stato solido. L’annuncio del progetto. stato fatto dai presidenti Akio Toyoda e Kazuhiro Tsuga. Toyota dovrebbe contribuire con la propria esperienza ed i suoi dati sui veicoli elettrificati nonché il know-how in capo produttivo. Panasonic condividerà le competenze di società specializzata nella fabbricazione di batterie. Anche in questo caso le soluzioni potranno venire cedute anche ad altri costruttori.

 

Articoli precedente

Golf GTI TCR, compatta stradale da 260 km/h derivata da quella da corsa

Articolo successivo

Brexit, tagli all'occupazione, scioperi: tornano i tempi duri nell'automotive