Home»News»Coronavirus, Kia e Nissan prorogano le scadenze per la garanzia

Coronavirus, Kia e Nissan prorogano le scadenze per la garanzia

0
Condivisi
Pinterest Google+

Come Hyundai, anche Kia e Nissan hanno varato un programma per estendere la garanzia dei veicoli che avrebbero dovuto passare in officina in questi mesi. L’operazione coreana sia chiama “Kia Promise”, mentre quella giapponese è promossa all’insegna del motto “Nissan rimane sempre al tuo fianco”.

La casa coreana estende la protezione fino al 30 giugno

Per tutte le automobili Kia che beneficiano della garanzia di 7 anni o 150.000 in scadenza tra l’1 febbraio ed il 30 aprile 2020, il termine è stato prorogato al 30 giugno 2020. L’iniziativa è volta a sostenere tutti i clienti al momento impossibilitati a recarsi in officina per colpa del coronavirus. “Kia Promise” vale almeno mezzo milione di proprietari di auto della casa coreana residenti in 142 paesi. I clienti interessati verranno contatti individualmente via posta elettronica, ordinaria o per telefono. Nissan ha deciso di prorogare le scadenze di tagliandi e degli interventi in garanzia “per chi in questi giorni non riesce ad andare in officina”.

Garanzia “flessibile” ed assistenza stradale gratuita da Nissan

La filiale nazionale del costruttore nipponico ha anche deciso di offrire “servizi di assistenza stradale gratuiti a prescindere dall’età della vettura per i clienti impegnati nella tutela della salute dei cittadini“. Inoltre, con la pandemia in corso, Nissan assicura ai propri clienti anche un servizio di emergenza per la riparazione. Non solo: a chi ha sottoscritto un’estensione dei servizi di assistenza stradale, la Loyalty Road Side Assistance (LRSA), con una data di scadenza compresa tra marzo e luglio 2020, verrà assegnata una proroga gratuita per altri 6 mesi. Oltre che sul sito, Nissan risponde anche al Numero Verde 800.105.800.

Articoli precedente

I mercati non credono al taglio della produzione. Nuovi ribassi Eni e Q8

Articolo successivo

EVO Electric, il crossover compatto "italiano" della DR da 19.900 euro